/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Luminoso, ampio e panoramico, 3° p ascensore, di soggiorno e cucinino, camera matrimoniale, bagno nuovo con doccia....

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Azienda cintura Sud Torino seleziona operaio elettromeccanico pratico taglio, piegatura lamiera e costruzione armadi...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | mercoledì 14 settembre 2016, 08:01

Affondo a 5 Stelle sull’Eurofidi: “Grave la latitanza della Giunta. Si vogliono nascondere vecchi scheletri nell’armadio?”

Lettera dei consiglieri regionali Davide Bono e Francesca Frediani: il Consorzio in liquidazione giovedì per via di un "presunto" buco di 50 milioni di euro?

Eurofidi: i conti non tornano e la Regione non la racconta giusta. Abbiamo richiesto oggi l'audizione in Consiglio regionale dei lavoratori Eurofidi in sciopero per la preoccupante situazione del consorzio che continua a non ricevere risposte dalla politica regionale.

Il più grande consorzio fidi d'Italia (di cui la Regione è il maggiore azionista con circa il 20%) potrebbe andare in liquidazione giovedì per via di un "presunto" buco di 50 milioni di euro. Diciamo presunto perché secondo i lavoratori il buco sarebbe stato valutato solo su un campione di fidi e poi allargato a tutti.

Tra l'altro la situazione di stallo avrebbe penalizzato l'attività da marzo e poi l'avrebbe bloccata in toto da agosto. Insomma qualcuno avrebbe già stabilito da tempo la morte del consorzio, e l'incertezza degli Assessori DeSantis e Reschigna non depone a favore di una soluzione positiva. Forse dietro questa latitanza degli esponenti della Giunta si nasconde qualche scheletro nell'armadio?

Davide Bono, Consigliere regionale M5S Piemonte

Francesca Frediani, Consigliere regionale M5S Piemonte

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore