/ Economia

Spazio Annunci della tua città

Villetta schiera fronte mare in residence 2 piani 6 posti 1piano:soggiorno(divano letto due posti),cucinino con angolo cottura(completo attrezzato/forno/microonde/frigo),bagno...

Capannone industriale - 600 mq. Fabbricato su 2 piani con montacarico uffici - spogliatoi - cortile - riscaldamento gas impianti elettrico.

Villetta con 5 posti letto: camera matrimoniale, cameretta con due letti singoli, ampio soggiorno con cucina a vista e divano letto, bagno. Grande terrazzo panoramicissimo,...

Sardegna la caletta costa orientale 50km a sud di Olbia affitto vicino al mare confortevole appartamento piano terra massimo 6 pl, TV color, lavatrice, riserva idrica, doccia...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche su facebook (Andrea Panarese zona Savona). Acquisto anche...

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Economia | martedì 03 gennaio 2017, 16:59

I cento dipendenti della Reggia di Venaria in sciopero venerdì 6 gennaio

Per protestare contro la riduzione della paga base che il coordinamento provinciale dell’Unione Sindacati di Base bolla senza mezzi termini come “illegittima”

Da un lato c’è la direzione che festeggia, con legittimo orgoglio, l’ingresso alla Reggia di Venaria del milionesimo visitatore: un traguardo davvero ragguardevole.

Dall’altro c’è il personale che alle celebrazioni appena citate contrappone le proprie condizioni economiche, peggiorate per le imposizioni dell’ultimo bando che contempla un severo taglio del servizio reso ai visitatori per via di una riduzione della paga base che il coordinamento provinciale dell’Unione Sindacati di Base bolla senza mezzi termini come “illegittima”, visto il successo di pubblico che la Reggia continua ad avere in misura sempre più crescente.

Condizioni contro le quali l’USB farò sentire la propria voce con uno sciopero dei circa 100 dipendenti della reggia il 6 gennaio prossimo, giorno dell’Epifania 2017.

Una sorta di “anti-festa del taglio dello stipendio", lo definisce il coordinamento provinciale dell'Usb, che continua dicendo che questo sciopero vuole essere "una risposta dei lavoratori alla recente “celebrazione” del milionesimo visitatore da parte del Consorzio, che risulta essere tanto più paradossale se lo si relaziona alle condizioni economiche peggiorative imposte ai lavoratori dall’ultimo bando."

R.G.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore