/ Attualità

Secondamano.it

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche su facebook (Andrea Panarese zona Savona). Acquisto anche...

Società di trasporti assume autista professionista di bilico con patentino ADR. Inviare curriculum via mail

Vendesi causa trasloco. Misure 173 x 65, con ganci per installazione a muro

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Attualità | mercoledì 04 gennaio 2017, 13:00

Nel torinese più di 51mila famiglie aspettano una casa popolare

Le persone che chiedono un'abitazione hanno principalmente problemi economici

 

A Torino e provincia sono 51.090 le famiglie che hanno bisogno di una casa popolare, di cui 30.208 nel capoluogo e 20.882 nel resto del territorio.
Di queste, 20mila famiglie sono in regola con i requisiti di legge per ottenere l’alloggio di edilizia residenziale pubblica. Per contro nel 2015 sono state solo 932 le assegnazioni effettive.

Questi dati, che ben illustrano il disagio abitativo e sociale, fanno parte di uno studio che è stato presentato il 21 dicembre nella sala convegni Lia Varesio di Atc, realizzato dall’Osservatorio abitativo sociale della Città metropolitana di Torino con la collaborazione di Atc Piemonte centrale.

Dal quadro tracciato da Stefania Falletti con i dati dell’Osservatorio, emerge che le famiglie che chiedono la casa popolare hanno principalmente problemi economici (6mila euro annui di Isee) e sociali (provenienza da strutture sociali per fine programma terapeutico, provenienza da strutture penitenziarie, scadenze di convenzioni di alloggiamenti temporanei, invalidità anziani e minori, ecc). Il disagio abitativo è quello sostanzialmente meno rilevato (alloggio scadente, sfratto, sovraffollamento) ma che, se urgente e sommato alle problematiche sociali, porta alle posizioni altissime di graduatoria.

Il dato non è omogeneo su tutta l’area metropolitana: infatti mentre per Torino il fattore di disagio prevalente è di carattere sociale, nel resto dell’area metropolitana e nelle zone montane prevale il disagio economico, soprattutto delle persone anziane. Occorre dunque pensare alla casa più come servizio alla persona piuttosto che puro investimento edilizio.

L’enorme divario che esiste fra domanda e offerta non è dettato da una generale mancanza di abitazioni, di fatto, in ampia eccedenza sulle famiglie residenti sul territorio se si considerano tutte le tipologie abitative. Nel 2015 vi era un surplus di 280mila abitazioni in rapporto al numero di famiglie, ma alla scarsità di offerta di abitazioni in affitto con canoni accessibili ai redditi medio-bassi e molto bassi. L’edilizia sociale pubblica si rileva in grande sofferenza sia per quanto riguarda la scarsità di stock quanto per lo scarso turn over: in un anno in media si libera soltanto il 4% degli alloggi occupati.

 

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore