/ Economia e lavoro

Spazio Annunci della tua città

Per intrattenere i Vs. cani distogliendoli , mobili, divani, molto graditi sia per la loro consistenza , che per la...

- Oltre agli pneum. di serie, ha 4 gomme invern. Pirelli 195/55/R15 cerchi in acciaio (v.n. 740,00 €). Tutti gli...

Auto sempre tenuta in box - tagliandi regolari - unico proprietario - non incidentata - disponibili pneumatici...

Per le zone di Novara,Vercelli, Verbania cerchiamo Antennista Sat e Digitale terrestre. inviare curriculum a : ...

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia e lavoro | mercoledì 04 gennaio 2017, 09:00

Bonus a sapersi: le novità in arrivo sul bonus elettrico

Lo sconto applicato sulla bolletta annua verrà aumentato dal 20 al 30%

Buone notizie per i consumatori che versano in condizioni di disagio economico per quanto riguarda il bonus elettrico, ovvero lo sconto in bolletta sulla base dei parametri di reddito e di composizione del nucleo familiare.

Codici, con altre 14 Associazioni nel corso del 2016, ha organizzato ben 75 incontri territoriali proprio per diffondere le informazioni relative a come ottenerlo ed allargare così la platea dei beneficiari, che risultano essere ancora pochi rispetto alle stime degli aventi diritto.

Con il decreto del 29 dicembre 2016 il Ministero dello Sviluppo Economico ha introdotto delle importanti modifiche, in vigore già da gennaio 2017.

Lo sconto applicato sulla bolletta annua verrà infatti aumentato dal 20 al 30%, in secondo luogo verrà incrementato il tetto ISEE per poter accedere all’agevolazione da 7.500 a 8.107,5€. Infine sarà prevista la possibilità di inoltrare la domanda per via telematica.

Quindi riduzione media di spesa del 30% per agevolare le famiglie numerose ed indigenti.

Inoltre ricordiamo che il bonus elettrico può essere richiesto anche per disagio fisico a prescindere dalla fascia di reddito familiare, a patto che presso l’abitazione risieda un malato grave costretto ad utilizzare apparecchiature elettromedicali necessarie per il mantenimento in vita.

Per informazioni rivolgetevi al vostro Comune di residenza o al Centro di Assistenza Fiscale (CAF), o presso un altro ente designato dal Comune. Se anche questi ultimi avessero dei dubbi, possono rivolgersi a loro volta all’Autorità per l’Energia (AEEGSI) o all’Associazione Nazionale Comuni Italiani (ANCI).

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore