/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Affittasi estate mare appartamento da 10 posti letto idoneo per più famiglie a prezzo conveniente a Rossano con posto...

Last Minute! Fronte mare in residence 2 piani 6 posti 1piano:soggiorno(divano letto due posti),cucinino con angolo...

Capannone industriale - 600 mq. Fabbricato su 2 piani con montacarico uffici - spogliatoi - cortile - riscaldamento gas...

Villetta con 5 posti letto: camera matrimoniale, cameretta con due letti singoli, ampio soggiorno con cucina a vista e...

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Cronaca | lunedì 09 gennaio 2017, 16:28

Ragazzo morto alle Molinette, era meningite

Gli esami molecolari hanno confermato che è stata la meningite a causare il decesso del 25enne di Valperga

Adesso è arrivata la conferma. E' stata la meningite a causare la morte del 25enne di Valperga, deceduto ieri all'ospedale Molinette dopo aver accusato una febbre molto alta durata alcuni giorni. Gli esami molecolari hanno confermato l'ipotesi iniziale, a differenza delle prime analisi i cui esiti erano stati negativi sulla ricerca del meningococco.

Un verdetto drammatico, che ha avvalorato le ipotesi più negative che erano state avanzate già poco dopo la morte del ragazzo. Come da prassi, i familiari del giovane sono stati sottoposti a profilassi, mentre da parte degli organi sanitari si è cercato di evitare che si diffonda la paura. "Non è il caso di allarmarsi", ha dichiarato Vittorio De Micheli, epidemiologo della direzione sanitaria regionale. "Mi sento di escludere il rischio di contagio. La meningite in inverno non è un evento inatteso".

Anche se alla fine si è trattato di di un caso di meningite, la regione Piemonte sarebbe  orientata a non modificare la propria politica di vaccinazione, che rimarrebbe rivolta ai soggetti più deboli. Ecco, di seguito, la nota emessa dagli Uffici Regionali.

La Regione Piemonte non ritiene necessario modificare l’attuale offerta vaccinale contro le meningiti batteriche: i casi di meningite meningocococcica che si verificano nella nostra regione sono del tutto rari e in diminuzione.

L’attuale calendario prevede in offerta attiva e gratuita la vaccinazione contro la meningite da Haemophilus influenzae b e pneumococco sotto l’anno di età (3°-5°-11° mese), la vaccinazione contro la meningite di tipo C a 13-15 mesi e ai ragazzi di 15-16 anni.

A questi vaccini si aggiunge per i nati dal  1° gennaio 2017 - seguendo le indicazioni del nuovo Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2017-2019- la vaccinazione contro il meningococco B offerta attivamente e gratuitamente (sono 4 dosi somministrate a partire dai 2 mesi di vita), mentre il vaccino contro il meningococco C per gli adolescenti (a 15-16 anni) verrà sostituito da un vaccino tetravalente che protegge contro la meningite di tipo ACWY.

In Piemonte, a partire dal 2008, l’andamento dei casi di malattia invasiva da meningococco mostra una riduzione significativa, pari in media a 1 caso in meno ogni anno su tutta la popolazione piemontese.

Nel 2016, l’incidenza è di 15 casi (5 sepsi e 10 meningiti), pari a 3 casi per 1.000.000  abitanti. Il dato registrato nel 2016 non altera il trend decrescente registrato dal 2008.

Il valore massimo di incidenza si riscontra nel 2009 (6 casi per 1.000.000 abitanti), anno che precede l’introduzione della vaccinazione antimeningococco C in regione.

La letalità per malattia invasiva da meningococco è in media inferiore a 2 decessi per anno.

Il sierogruppo B è quello prevalente, riguarda circa il 60% dei casi, seguito dal sierogruppo C. In particolare, una sua maggior frequenza (70%) caratterizza la fascia di età pediatrica (0 – 14 anni), dato sovrapponibile a quello europeo.

Naturalmente continua a essere garantita la vaccinazione di tutti i soggetti a elevato rischio per patologia, mentre verrà regolata con prenotazione la vaccinazione a prezzo di costo a chi ne facesse richiesta in tutti gli altri casi.

L’Assessorato regionale alla Sanità ricorda che, allo stato attuale, non sono giustificati situazioni di allarmismo che rischiano solo di creare problemi agli operatori dei servizi vaccinali delle Asl”.

Massimo De Marzi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore