/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Trilocale indipendente con giardino. 2 camere da letto, 1 bagno, soggiorno con cucina a vista tutta in muratura. Posto...

In ottime condizioni! Includo bauletto e 2 caschi taglia M e S. Visibile a Pinerolo. Per info contattatemi al n....

Ristrutturato grazioso e luminosissimo di circa 155mq situato al 1` Piano in condominio decoroso con n. 3 arie....

A FinalPia a pochi metri dalle spiagge, vista mare splendida, 4°p ascensore.. Ingresso, soggiorno con divano letto...

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | mercoledì 11 gennaio 2017, 13:33

Forza Italia: “Prima di parlare di mobilità dolce la Giunta di Torino pensi a rendere sicure le nostre strade”

Lo chiedono i capigruppo delle 8 Circoscrizioni

Immagine di repertorio

Sono bastati pochi fiocchi di neve per evidenziare i limiti di una giunta che da un lato predica la mobilità dolce fatta di zone pedonali e di piste ciclabili ma che dall'altro non è in grado di predisporre un intervento che impedisca a pedoni e ciclisti di rischiare l'osso del collo a causa delle numerose e pericolose lastre di ghiaccio sparse in tutta le città “ a denunciarlo sono i capigruppo delle 8 Circoscrizioni di Torino di Forza Italia.

Fa sorridere pensare che a Torino non sia cambiato nulla rispetto al passato anche sotto questo aspetto; ci chiediamo che senso abbia predisporre lo spargimento del sale solo in alcune strade lasciando le altre, la stragrande maggioranza, in condizioni di grave pericolo per la sicurezza dei torinesi” -  aggiungono i consiglieri azzurri - “marciapiedi, carreggiate, piste ciclabili, sono in alcune zone di Torino delle vere piste di ghiaccio, non riusciamo davvero a capire come una città che ambisce a diventare moderna ed attrattiva possa ancora ritrovarsi in queste condizioni a fronte di una modesta nevicata ampiamente annunciata”.

Chiediamo al Sindaco ed all'assessore competente – conclude il Coordinatore di Forza Italia Davide Balena - “di pensare prima a predisporre un piano di intervento omogeneo che garantisca ai cittadini di circolare in maniera sicura in questi frangenti, solo dopo averlo fatto davvero potranno essere credibili quando verranno a spiegare come rivoluzionare la mobilità di Torino”.

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore