/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Affittasi estate mare appartamento da 10 posti letto idoneo per più famiglie a prezzo conveniente a Rossano con posto...

Last Minute! Fronte mare in residence 2 piani 6 posti 1piano:soggiorno(divano letto due posti),cucinino con angolo...

Capannone industriale - 600 mq. Fabbricato su 2 piani con montacarico uffici - spogliatoi - cortile - riscaldamento gas...

Villetta con 5 posti letto: camera matrimoniale, cameretta con due letti singoli, ampio soggiorno con cucina a vista e...

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Politica | mercoledì 11 gennaio 2017, 18:34

M5S: "Voucher regionali? Brutta copia del nostro reddito di cittadinanza"

Davide Bono: “Sono l'ennesima misura spacciata come un sostegno economico ai lavoratori, in realtà è l'ennesimo finanziamento alle agenzie di formazione"

Oggi in Commissione regionale l'assessore Pentenero ha presentato i buoni servizi al lavoro e un riassunto dei principali provvedimenti in materia di lavoro.


Afferma Davide Bono: “I voucher regionali sono l'ennesima misura spacciata come un sostegno economico ai lavoratori, in realtà è l'ennesimo finanziamento alle agenzie di formazione. Appena 5 milioni di euro in 3 anni andranno direttamente ai disoccupati che faranno corsi di formazione. Insomma, una brutta copia del reddito di cittadinanza. Un provvedimento che prende spunto dalla nostra proposta ma senza adeguate risorse”.


Aggiunge Giorgio Bertola: “La nostra idea prevede invece 60 milioni di euro all'anno per sostenere almeno 10 mila famiglie piemontesi in stato di povertà. Chiediamo quindi siano discusse quanto prima le proposte di legge del Movimento 5 Stelle e di altre formazioni politiche sul reddito di cittadinanza in Piemonte. Altrimenti saremmo costretti a richiamare i provvedimenti in aula”.


Conclude Francesca Frediani: “Apprendiamo dell'imminente rifinanziamento dell'esperienza fallimentare di Garanzia Giovani. Una misura totalmente inadeguata per far fronte al drammatico aumento della disoccupazione giovanile e al fenomeno del lavoro precario. Gli scarsi risultati ottenuti fino ad ora, e le difficoltà denunciate dai giovani coinvolti nel progetto, avrebbero dovuto indurre a trovare nuove soluzioni più efficaci”.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore