/ Scuola e lavoro

Spazio Annunci della tua città

Affittasi estate mare appartamento da 10 posti letto idoneo per più famiglie a prezzo conveniente a Rossano con posto...

Last Minute! Fronte mare in residence 2 piani 6 posti 1piano:soggiorno(divano letto due posti),cucinino con angolo...

Capannone industriale - 600 mq. Fabbricato su 2 piani con montacarico uffici - spogliatoi - cortile - riscaldamento gas...

Villetta con 5 posti letto: camera matrimoniale, cameretta con due letti singoli, ampio soggiorno con cucina a vista e...

Che tempo fa

Cerca nel web

Scuola e lavoro | mercoledì 11 gennaio 2017, 18:19

Parte il "buono lavoro", 62,8 milioni per tre anni dal fondo sociale europeo

L'assessore regionale Gianna Pentenero: "In arrivo altri provvedimenti per combattere la crisi"

Oggi in terza commissione l'assessora al Lavoro della Regione Piemonte, Gianna Pentenero, ha tenuto un'informativa sulle politiche attive del lavoro, fotografando le misure già sperimentate in passato e i nuovi strumenti che la giunta Chiamparino sta mettendo in atto. "È appena partito - ha spiegato l'assessora - il buono servizi lavoro, una misura finanziata con 62,8 milioni di euro provenienti dal fondo sociale europeo per la durata di tre anni, che si propone di accompagnare i lavoratori disoccupati nella ricerca attiva di occupazione. A questo provvedimento ne seguiranno nei prossimi mesi una serie di altri: i percorsi di politica attiva rivolti a lavoratori provenienti da aziende in crisi, il buono lavoro per persone con disabilità, i progetti di pubblica utilità, i cantieri di lavoro e i lavori socialmente utili, oltre alle misure, già attive, per favorire la creazione di impresa e il lavoro autonomo. Si tratta di un insieme ampio di interventi,che tengono conto delle caratteristiche dei singoli soggetti,  volti a favorire l'incontro tra domanda e offerta di lavoro, stimolando la capacità di attivazione delle persone, ben consapevoli che le politiche del lavoro non sono sufficienti di per sé a creare nuova occupazione, ma si propongono di sostenere la ricerca di lavoro, soprattutto da parte dei soggetti più fragili".

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore