/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Arredato, bagno finestrato e ski box. Posizione comoda ai servizi. Spese condominiali e IMU molto contenute. Ottimo...

Completamente ristrutturato no arredato no posto auto con deposito in cortile interno termoautonomo ideale persone...

Selezioniamo collaboratori ambo i sessi di età min. 23 anni, per lo sviluppo del mercato di sanità integrativa per...

PER NEGOZIO SITO AD ORBASSANO CERCASI LAVORANTE CON ESPERIENZA NEL SETTORE NO PERDITEMPO.

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | sabato 14 gennaio 2017, 12:27

Torino: controllo straordinario presso il campo nomadi di via Germagnano. Espulso cittadino bosniaco ed allontanato un cittadino rumeno

Nel corso del controllo, che ha portato all’identificazione di 24 persone, è stata data esecuzione ad alcuni provvedimenti della Procura della Repubblica presso il Tribunale

Personale della Polizia di Stato appartenente al Comm.to di P.S. Madonna di Campagna, unitamente a personale del Reparto Prevenzione Crimine, del V Reparto Mobile e della Polizia Municipale, Nucleo Nomadi,  ha effettuato un controllo straordinario all’interno del campo nomadi di via Germagnano.

Nel corso del controllo, che ha portato all’identificazione di 24 persone, è stata data esecuzione ad alcuni provvedimenti della Procura della Repubblica presso il Tribunale: si tratta del sequestro di 5 strutture abitative dismesse e dell’inserimento presso una comunità di un minore degli anni 14, individuato quale autore di furti di auto e di lancio di sassi in tangenziale

Gli agenti hanno, inoltre, individuato una cittadina rom di 26 anni destinataria della notifica di un ordine di carcerazione per una pena da espiare di 8 mesi di reclusione e contestuale sospensione del medesimo.

Infine, sono stati accompagnati presso l’ufficio immigrazione 2 cittadini: il primo, originario della Bosnia Erzegovina,  col permesso di soggiorno scaduto, è stato espulso con ordine del Questore; al secondo, di nazionalità rumena, è stato notificato l’allontanamento dal territorio nazionale per motivi di pubblica sicurezza.

cs

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore