/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Azienda cintura Sud Torino cerca elettricista cablatore montatore quadri elettrici industriali media e bassa tensione...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Selezioniamo 3 persone ambosesso per la vendita e la costruzione rete commerciale, part-time o full-time, con...

Sul lungomare di Rimini, frazione Viserbella, nella stagione estiva, settimanale da sabato a sabato, da maggio a...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | martedì 14 febbraio 2017, 14:12

Rimborsopoli Valle d'Aosta: 15 condanne in Appello, sentenza ribaltata

Solo per nove degli imputati è stata confermata l'assoluzione

La corte d’Appello di Torino ha parzialmente ribaltato la sentenza del processo Rimborsopoli della Valle d’Aosta. Su 24 imputati, tutti assolti in primo grado, i giudici ne hanno condannati 15, mentre nove sono stati assolti.

Il pg Giancarlo Avenati Bassi, che ha coordinato l’indagine e che da una settimana ricopre l’incarico provvisorio di capo della procura di Aosta, aveva chiesto la condanna di tutti i politici. I condannati sono Anacleto Benin, Alberto Cerise, Albert Chatrian, Raimondo Donzel, Carmela Fontana, Leonardo La Torre, Massimo Lattanzi, Ruggero Millet, Patrizia Morelli, Gianni Rigo, Alberto Zucchi, Roberto Louvin, Marco Vierin, Dario Comé, Claudio Lavoyer.

Le accuse erano nei loro confronti, a vario titolo, peculato, finanziamento illecito al partito e indebita percezione di contributi pubblici. Per tre politici scatta la sospensione dall’incarico in virtù della legge Severino. Per altri è intervenuta la prescrizione.

“Non vedo grandi differenze con il caso Fiorito” aveva detto in aula Avenati Bassi riferendosi all'ex capogruppo Pdl che aveva travolto la giunta Polverini a Roma, durante la fase delle contro repliche. E adesso Avenati Bassi, con la collega Enrica Gabetta, si prepara a fare l’appello contro la sentenza di primo grado della Rimborsopoli del Piemonte, che aveva visto vari assolti, tra cui l’ex governatore della Regione Roberto Cota.

Le pene stabilite dal presidente della corte Elisidoro Rizzo sono: due anni e quattro mesi per Benin e Lattanzi, quattro mesi e 14mila euro di multa per Cerise, Chatrian, Louvin e Morelli, un anno e dieci mesi per Vierin e Comé, un anno e otto mesi per Donzel e Rigo, un anno e dieci mesi per Fontana, dieci mesi e 24mila multa per La Torre, sei mesi per Millet, quattro mesi e diecimila euro per Lavoyer, un anno e cinque mesi per Zucchi. Tutti gli altri sono stati assolti: André Laniece, Enrico Tibaldi, Davide Avati, Giuseppe Rollandin, Erika Guichardaz, Emilio Zambon e Giovanni Sandri, Diego Empereur, Ego Perron, Osvaldo Chabod e Guido Grimod e Chantal Certan.

Elisa Sola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore