/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Disponiamo di cuccioli neri, arlecchino e merle nel nostro allevamento riconosciuto enci fci dosso degli ulivi. i...

Mensilmente (o annualmente) a partire da dicembre a 150 metri dal mare in condominio con ascensore con 6 posti letto...

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

In casale completamente ristrutturato,nel soleggiatissimo altipiano di Saint Nicolas a 10 minuti da Courmayeur, da...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | venerdì 17 febbraio 2017, 16:41

In corso Cincinnato una targa ricordo per gli esuli istriani, Appendino:"Siete parte integrante collettività"

"Il silenzio che ci circonda non sia il pretesto per la rimozione di quei tragici eventi, ma rappresenti un’occasione di consapevole presa di coscienza di ciò che è avvenuto"

“A Torino voi non rappresentate una comunità distinta ma parte integrante di una collettività a cui molto avete dato e da cui molto avete ricevuto”. Sono queste le parole di Chiara Appendino, durante la cerimonia commemorativa per gli esuli Istriani-Fiumani-Dalmati, che si è svolta questa mattina in corso Cincinnato, all’angolo con via Pirano. Nell’occasione è stata deposta una corona, con una targa dedicata dal Comune di Torino alla memoria.

“In questo luogo”, ha proseguito il sindaco, “tutte le differenze e le contrapposizioni si annullano. Che siano di razza, di censo o religione. Questo deve essere un luogo di affetti e di pace”. 
“Il silenzio che ci circonda”, ha sottolineato Appendino, “non sia il pretesto per la rimozione di quei tragici eventi, ma rappresenti un’occasione di consapevole presa di coscienza di ciò che è avvenuto, un’opportunità per coltivare la memori e una speranza, anche quella del ritorno alla propria terra natia”.
“Il ricordo dei drammi che hanno segnato la storia della vostra terra”, ha continuato il primo cittadino, “quello delle persone rimaste vittime dell’odio per la sola colpa di essere italiani è parte integrante della nostra città e deve essere custodito come un monito solenne e mai più strumentalizzato”. “Ogni parola scolpita su questa lapide è dedicata a tutti voi, ogni parola possa essere d’aiuto a non dimenticare, con la speranza e l’auspicio  che quest’opera rappresenti le basi su cui costruire un futuro migliore, dove le differenze di qualsiasi natura non siano più motivo di scontro e sofferenza”, ha concluso il primo cittadino.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore