/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Villetta schiera fronte mare in residence 2 piani 6 posti 1piano:soggiorno(divano letto due posti),cucinino con angolo cottura(completo attrezzato/forno/microonde/frigo),bagno...

Capannone industriale - 600 mq. Fabbricato su 2 piani con montacarico uffici - spogliatoi - cortile - riscaldamento gas impianti elettrico.

Villetta con 5 posti letto: camera matrimoniale, cameretta con due letti singoli, ampio soggiorno con cucina a vista e divano letto, bagno. Grande terrazzo panoramicissimo,...

Sardegna la caletta costa orientale 50km a sud di Olbia affitto vicino al mare confortevole appartamento piano terra massimo 6 pl, TV color, lavatrice, riserva idrica, doccia...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche su facebook (Andrea Panarese zona Savona). Acquisto anche...

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Politica | lunedì 20 marzo 2017, 18:12

"Sui lavoratori Asl TO1 da Saitta e Pentenero solite parole ma zero fatti"

Sulla vicenda sanità l'intervento di Davide Bono e Francesca Frediani (M5S)

Solite parole, zero fatti. L'assessore Saitta e l'assessora Pentenero si sono esibiti nel consueto copione incontrando oggi i lavoratori addetti alle pulizie dell'ASL TO1. Ancora una volta assistiamo a tagli netti ad ore e retribuzioni del personale che determinano un abbassamento generalizzato degli standard di pulizia e sicurezza negli ospedali.

A causare questa situazione sono i ribassi d'asta nelle gare d'appalto cui l'intera Giunta regionale non ha ancora trovato un'adeguata soluzione nonostante la sottoscrizione di “accordi” con i sindacati.

Gli ospedali non possono continuare a fare risparmi sui servizi esternalizzati, peggiorando la qualità di pulizie, mense, lavanderie, manutenzione a danno di lavoratori e pazienti. Serve uno standard di ore servizio per metro quadrato di area da pulire, mentre le aziende che partecipano alle gare dovrebbero essere più vincolate a rispettare la spesa complessiva del personale, contenendo i costi attraverso una riorganizzazione più efficiente del lavoro o sfruttando le innovazioni tecnologiche. Se no i risparmi delle aziende ricadono semplicemente sulla pelle dei lavoratori e sulla qualità del servizio.

Chiediamo, infine, che la vigilanza sanitaria verifichi immediatamente il rispetto delle ore effettivamente appaltate e la qualità del servizio. Sarebbe assurdo dover constatare che, a fronte di un appalto vinto con ribasso del 33% di ore, poi si ricorresse a ore di straordinario, come recentemente avvenuto al Maria Vittoria.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore