/ Attualità

Spazio Annunci della tua città

Luminoso, ampio e panoramico, 3° p ascensore, di soggiorno e cucinino, camera matrimoniale, bagno nuovo con doccia....

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Azienda cintura Sud Torino seleziona operaio elettromeccanico pratico taglio, piegatura lamiera e costruzione armadi...

Che tempo fa

Cerca nel web

Attualità | lunedì 17 aprile 2017, 14:23

Il Piemonte è la seconda regione d'Italia per presenza di ascensori

Da un’analisi di Thyssenkrupp Elevator Italia. Torino e provincia si collocano al decimo posto nella classifica nazionale

Il Piemonte è la seconda regione italiana per presenza di edifici con ascensori pari a 1 ogni 106 abitanti ed è anche la terza per numero assoluto con 41mila immobili che hanno almeno un impianto. Secondo un’analisi di Thyssenkrupp Elevator Italia, azienda specializzata in ascensori e scale mobili, gli ascensori piemontesi hanno un’anzianità media di 10 anni in linea con quella italiana che è di 11 anni.

Torino e provincia si collocano al decimo posto in Italia e al primo posto in Piemonte per densità di ascensori (1 edificio con ascensore ogni 92,4 abitanti). Nella sola città di Torino, quinta fra le città Italiane con più ascensori per abitanti, c’è un edificio con ascensore ogni 62 abitanti. Al secondo posto, abbastanza staccata, segue la provincia di Biella: 1 ogni 104 cittadini. In ordine troviamo poi Alessandria (1 edificio con ascensore ogni 112 abitanti - terzo posto), Asti (1 ogni 124 ab. - quarto posto) e Novara (1 ogni 131 cittadini - quinto posto). Le provincie piemontesi con minor presenza di ascensori sono Vercelli con un ascensore ogni 134,9 residenti, Verbano-Cusio-Ossola con uno ogni 141,2 e Cuneo, ultima, con 142 abitanti per ascensore.

Dalle nostre analisi – spiega Luigi Maggioni, amministratore delegato di thyssenkrup Elevator Italia - in Piemonte, gli impianti presenti nei circa 41mila edifici con ascensori sono utilizzati da 4 milioni di persone e richiedono mediamente poco più di 5 interventi all’anno, per un totale di circa 205mila interventi l’anno. I motivi principali delle chiamate sono: guasti alle porte, schede elettroniche bruciate, bottoniere usurate, ecc.” I maggiori costi sostenuti dai condomini per questi interventi, secondo thyssenkrupp Elevator Italia ammontano a oltre 700 € l’anno.

Il servizio di manutenzione predittiva e preventiva per gli ascensori – prosegue l’amministratore delegato – può ridurre del 50% i tempi di fermo impianto. Collegando in rete tutti gli ascensori è possibile monitorare da remoto lo stato di salute e intervenire tempestivamente. L’ascensore oggi è il mezzo più usato al mondo: i 12 milioni di impianti esistenti sono usati da un miliardo di persone. E’ stato stimato che ogni anno si accumulano 190 milioni di ore di fuori servizio a livello mondiale, di cui 11 milioni di ore in Italia. Questo significa che nel nostro Paese un ascensore sta fermo per guasti mediamente 4 giorni e mezzo all'anno

L’ascensore – conclude infine Maggioni - consuma il 10% dell’energia totale di tutto l’edificio. L’impiego di tecnologia innovativa consente all’industria ascensoristica di migliorare le performance e l’efficienza energetica: un ascensore efficiente, realizzato con tecnologie standard consuma il 27% in meno di energia ma un ascensore “moderno”, realizzato con materiali ultra leggeri, elettronica intelligente che lo mette in standby seinutilizzato e dotato di sistemi che recuperano l’energia in frenata, permette un risparmio energetico fino al 50%”.

L’Italia è il Paese che ha il parco ascensori più vasto, ma anche più “anziano” in Europa: circa il 40% degli impianti in funzione ha più di 30 anni e oltre il 60% non è dotato di tecnologie moderne capaci di garantire un livello assoluto di sicurezza agli utenti. Gli impianti installati prima del 1999 non sono dotati delle moderne tecnologie in grado di garantire il livello di sicurezza minimo richiesto dagli standard Europei (Nuova Direttiva Ascensori 2014/33/UE). Si pensi ad esempio ai sistemi di chiamata d’emergenza, ai sistemi di chiusura delle porta automatiche, al livellamento tra piano e cabina di ascensore.

Massimo De Marzi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore