/ Economia

Spazio Annunci della tua città

Affittasi estate mare appartamento da 10 posti letto idoneo per più famiglie a prezzo conveniente a Rossano con posto...

Last Minute! Fronte mare in residence 2 piani 6 posti 1piano:soggiorno(divano letto due posti),cucinino con angolo...

Capannone industriale - 600 mq. Fabbricato su 2 piani con montacarico uffici - spogliatoi - cortile - riscaldamento gas...

Villetta con 5 posti letto: camera matrimoniale, cameretta con due letti singoli, ampio soggiorno con cucina a vista e...

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Economia | giovedì 20 aprile 2017, 14:00

Revisione ticket sanitario, confronto Regioni-Governo: ipotesi pagamento per i codici verdi

Sul tavolo la revisione dei meccanismi di compartecipazione alla spesa sanitaria

Fotografare lo stato dell’arte della compartecipazione alla spesa sanitaria nelle regioni italiane per capire quanti sono gli esenti per patologie e per reddito, e dove e come sono collocati i super ticket sulla specialistica.

Decidere quindi come rivedere il meccanismo secondo principi di equità, solidarietà e universalismo. Il tutto senza compromettere le entrate garantite dai ticket, che attualmente forniscono alle Regioni un gettito di 3 miliardi annui.
 
Una sfida ardua dal momento che l’eliminazione delle disparità regionali comporterà necessariamente una diminuzione degli introiti. E tra le le ipotesi al vaglio per compensare le mancate entrate del valore dei superticket, che, secondo l'assessore del Veneto Coletto, vale circa 900 milioni di euro, spunta anche la possibilità di introdurre una compartecipazione per i codici verdi.
 
È questo il risultato della prima riunione operativa del Tavolo per la revisione dei meccanismi di compartecipazione alla spesa, che ha visto il confronto tra il ministro Beatrice Lorenzin e il Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, Antonio Saitta insieme all’Assessore della Regione Emilia Romagna, Sergio Venturi, all’Assessore della Regione Veneto, Luca Coletto e ai rappresentanti del Ministero dell’Economia, dell’Agenas e dello stesso Ministero della Salute.
 
 “L’obiettivo è l’abolizione dei ticket sulle visite specialistiche, che sono quelli che hanno creato disuguaglianze tra i cittadini "– ha infatti detto l’assessore alla Sanità del Veneto, Luca Coletto – e tra le ipotesi al vaglio per compensare i mancati introiti c’è il pagamento i codici verde".

"Stiamo cercando di fotografare la realtà regionale e cercare di incidere per eliminare le diseguaglianze regionali"– ha quindi aggiunto Coletto – "e avere un introito che sia quantomeno uguale all’attuale. Adesso bisogna capire quali sono i superticket, che valgono circa 900 milioni, e in quali Regioni sono collocati e trovare un’alternativa che sia equanime”.

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore