/ Attualità

Secondamano.it

Villetta con 5 posti letto: camera matrimoniale, cameretta con due letti singoli, ampio soggiorno con cucina a vista e divano letto, bagno. Grande terrazzo panoramicissimo,...

Sardegna la caletta costa orientale 50km a sud di Olbia affitto vicino al mare confortevole appartamento piano terra massimo 6 pl, TV color, lavatrice, riserva idrica, doccia...

Mi chiamo Andrea Panarese e sono un libraio antiquario. Acquisto libri antichi in Liguria e dintorni. Mi trovate anche su facebook (Andrea Panarese zona Savona). Acquisto anche...

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Attualità | venerdì 21 aprile 2017, 07:40

Emozionante Chris Wright a Torino: "La sclerosi multipla è ormai una compagna di viaggio"

Il giocatore è intervenuto mercoledi ai MagazziniOz, parlando della malattia che gli è stata diagnosticata nel 2012: "Sono un ragazzo fortunato e ai giovani dico di non arrendersi e continuare a inseguire i loro sogni"

Ha lasciato il segno l'intervento di Chris Wright, mercoledì ai MagazziniOz. Il playmaker della Fiat Torino ha incontrato le famiglie dei ragazzi di cui si occupa CasaOz, l'Associazione torinese che offre accoglienza e sostegno ai bambini malati, raccontando la sua esperienza personale con la sclerosi multipla e rispondendo alle numerose domande dei presenti. A moderare l'incontro il giornalista de La Stampa Domenico Latagliata.

“Sono un ragazzo fortunato, sì - ha detto tra l'altro il giocatore statunitense - la sclerosi multipla, che mi è stata diagnosticata nel 2012, è diventata una compagna di viaggio, ma ci sono persone che stanno molto peggio di me, che non camminano. Io invece sono ancora un giocatore professionista di basket, ho disputato tre partite nell’Nba e in futuro spero di rimanere nel mondo della pallacanestro, mia vera passione, magari come allenatore”. Alla domanda di un genitore che gli ha chiesto come si comporterebbe se a uno dei suoi figli fosse diagnostica una malattia grave, ha risposto sicuro: “Gli direi di continuare a inseguire i suoi sogni e non arrendersi perchè si può essere più forti della malattia”.

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore