/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Disponiamo di cuccioli neri, arlecchino e merle nel nostro allevamento riconosciuto enci fci dosso degli ulivi. i...

Mensilmente (o annualmente) a partire da dicembre a 150 metri dal mare in condominio con ascensore con 6 posti letto...

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

In casale completamente ristrutturato,nel soleggiatissimo altipiano di Saint Nicolas a 10 minuti da Courmayeur, da...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | venerdì 21 aprile 2017, 10:18

Operazione della Squadra Mobile di Torino: 3 arresti per rapina e sequestro di persona

L'attività investigativa scopre una sconcertante verità: il padre di uno degli amici delle vittime era il basista della banda

La sezione antirapina della Squadra Mobile di Torino ha eseguito tre custodie cautelari, due in carcere e una ai domiciliari, emesse dalla Procura della Repubblica di Torino nei confronti di altrettanti italiani, residenti a Torino, per i reati di rapina, sequestro di persona a scopo di rapina e ricettazione.

Le tre persone colpite dai provvedimenti sono: C.M.F., classe 1969 (basista),  M.S., classe1964 (rapinatore), B.L., classe 1979 (ricettatore)

Nel mese di novembre 2016 in un appartamento del quartiere San Salvario tre ragazzi, tra cui un minorenne, restano vittime di una rapina in casa con sequestro di persona.

Mentre i ragazzi erano in casa, aveva bussato alla porta un uomo con un giubbotto con la scritta Poste Italiane che, con la scusa di consegnare una raccomandata, si era fatto aprire dal giovane padrone di casa. Immediatamente, l’uomo spintonava in modo violento il ragazzo all’interno ed estraeva una pistola con la quale minaccia lui e i suoi amici. L’uomo li obbligava a sdraiarsi a terra, legava loro mani e piedi e gli intimava di mostrargli la camera da letto dei genitori, dalla quale asportava denaro e diversi gioielli per un valore approssimativo di 25000 (venticinquemila) euro.

L’attività investigativa ha permesso di individuare il rapinatore fintosi “postino” scoprendo altresì una tremenda verità:  il padre di uno degli amici delle vittime, al momento non presente nell’alloggio, era di fatto il basista del colpo!

L’uomo, infatti, all’insaputa del figlio aveva carpito informazioni utili sulla famiglia vittima della rapina, proprio grazie all’amicizia del figlio, e le aveva, sempre a sua insaputa, condivise con l’autore materiale del reato. Il tutto era cominciato il giorno in cui il figlio era tornato a casa raccontando di aver partecipato a una caccia al tesoro per gioco con dei preziosi a casa dell’amico.

R.G.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore