/ Eventi

Spazio Annunci della tua città

Affittasi estate mare appartamento da 10 posti letto idoneo per più famiglie a prezzo conveniente a Rossano con posto...

Villetta schiera fronte mare in residence 2 piani 6 posti 1piano:soggiorno(divano letto due posti),cucinino con angolo...

Capannone industriale - 600 mq. Fabbricato su 2 piani con montacarico uffici - spogliatoi - cortile - riscaldamento gas...

Villetta con 5 posti letto: camera matrimoniale, cameretta con due letti singoli, ampio soggiorno con cucina a vista e...

Che tempo fa

Newsletter

Iscrivendomi acconsento al trattamento dei dati personali secondo le norme vigenti.

Cerca nel web

Eventi | venerdì 19 maggio 2017, 13:30

Dal 20 maggio al 23 settembre Bret Slater in mostra a Torino

Bret Slater è il secondo artista americano in residenza per la Privateview. La sua personale è prodotta a Torino per gli spazi della galleria e presenta tutte opere inedite. Opening 20 maggio 2017 in via Goito 16

La felice esperienza della precedente mostra, che vedeva il debutto del progetto di residenza Privateview, ha confermato la proficua influenza subita dagli artisti grazie al contatto con l’humus storico, artistico e culturale italiano. I risultati sono stati sorprendenti e gli ospiti entusiasti. Il progetto continua!

Protagonista della seconda residenza Privateview è Bret Slater, classe 1987, nato nel Bronx, vive e lavora a Brooklyn. Slater presenta un’intensa mostra prodotta a Torino con opere realizzate in esclusiva per gli spazi della galleria che riassumerà il suo alfabeto artistico: opere di grande formato, insieme a piccole tele tridimensionali e in più un’inedita serie dedicata a dipinti su carta. La tecnica dell’artista newyorkese è da tempo apprezzata per la capacità di unire all’uso dell’olio e dell’acrilico tradizionali, vinili e resine di nuova generazione. Nonostante la giovane età Slater vanta già numerose acquisizioni Istituzionali tra le quali segnaliamo quella dell’”Indianapolis Museum Of Art”, in Indiana e al “Dallas Museum Of Art”, Texas.

La mostra è curata dal Direttore artistico di Privateview Mauro Piredda:

“L’essenza dell’approccio artistico di Bret Slater  può essere paragonato a quello per la visione di 2001 Odissea nello Spazio di Stanley Kubrick. Chi lo guarda aspettandosi una struttura lineare e chiara, lo trova terribilmente noioso. 2001” è da guardare non come una storia raccontata, ma come una parabola che occupa millenni interrogandosi sulle ragioni dell’esistenza. Come Kubrick crea con lo spettatore una comunicazione che supera il piano verbale, riducendo i dialoghi ad una quantità minima Bret porta alla domanda. Forma, colore e materia diventano più forti di qualsiasi parola. L’obbiettivo massimo è colpire l’inconscio senza bisogno di parole. Il monolito a forma di parallelepipedo è un’entità divina ed aliena, un modo per rappresentare in maniera anonima” l’inconoscibile. Esso simboleggia anche ragione e coscienza. Nella preistoria, così come nel futuro, in una circolarità inesauribile Bret sviscera il concetto dell’eterno ritorno di Nietzsche e ci mostra all’infinito il suo codice” sottoponendocelo in forme diverse, materiali e tecniche distanti. Ma sempre ugualmente denso, soprattutto se preso in esame nella sua INTEREZZA.

C’è, quindi, un ritorno continuo al punto di partenza, al bambino, che conosce il male diventando uomo, e che rinasce dopo essere diventato vecchio. Questa continuità vitale è metafora dell’esistenza, che ruota sempre intorno alla figura del monolito, centro di tutte le nostre domande senza risposta.

Il tempo è prezioso ed i tempi dilatati un lusso. In questi termini il lavoro di Bret e l’illuminante Odissea” sono un simile, lungo, punto interrogativo. Ed interrogarsi è obbligo morale dell’individuo.

Ma Slater non si isola nel compiacimento, si apre al fruitore, lo fa con il gusto cromatico, con le superfici, la tentazione tattile per il suo lavoro è forte. La percezione è godibile, gioiosa senza vergogne intellettuali”. Qui comincia il gioco di un Artista cosciente in grado di alterare l’impatto del suo lavoro fino quasi al suo camuffamento. Come grandi capolavori letterari assoluti etichettati come libri per ragazzi” ma allo stesso tempo amati dai i più raffinati lettori come “L’isola del tesoro”, “Marcovaldo” e molti altri.

Bret non è Kubrick, non è Calvino e neppure Stevenson. Ma li conosce bene”.

Orari di apertura: dal martedì al sabato dalle 15.30 alle 19.00, mattino su appuntamento

C.S.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore