/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Per le zone di Novara,Vercelli, Verbania cerchiamo Antennista Sat e Digitale terrestre. inviare curriculum a : ...

Delizioso monolocale a 800 mt dal mare, ideale come seconda casa, completamente arredato con struttura divano letto e...

125 mq (65 piano terra + soppalco) nella bellissima e prestigiosa piazza nel cuore del centro storico di Moncalieri.

Vendesi urgentemente causa trasferimento all`estero Euro 4, unico proprietario, cinghia sostituita nel 2016, gomme...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | lunedì 17 luglio 2017, 13:54

Musica ad alto volume: rissa alle case popolari di Chieri

Coinvolti un uomo di 49 anni, di origine marocchina e un 17enne che vive nel campo nomadi di via Germagnano

Una rissa scoppiata in serata per la musica ascoltata ad alto volume, che ha portato in ospedale due persone, tra cui un ragazzo di 17 anni. E' successo a Chieri, nella serata del 15 luglio, nei pressi della case popolari di via Monti.
Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno denunciato un 49enne marocchino residente a Chieri, S.M, e un 17enne che vive nel campo nomadi di via Germagnano. Tutto è iniziato quando intorno alle 20, per strada all'altezza di via Monti, dove vive il 49enne, è scattato un litigio tra l'uomo e altre persone, che poi sono fuggite.
La dinamica è ancora da chiarire ma pare che a innescare il litigio sia stato il volume eccessivo dello stereo di uno dei litiganti e già più volte in quel cortile della case popolari era stato segnalato dai residenti lo stesso problema. I carabinieri sono riusciti a identificare il 49enne e dopo il 17enne. Entrambi sono stati portati in ospedale a Chieri, dove al marocchino è stata diagnosticata una contusione della faccia, del cuoio capelluto e del collo, e al ragazzo una contusione in testa. Il 49enne è stato trovato in possesso di un coltello da cucina sporco di sangue che è stato sottoposto a sequestro.   

Elisa Sola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore