/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Affittasi estate mare appartamento da 10 posti letto idoneo per più famiglie a prezzo conveniente a Rossano con posto...

Last Minute! Fronte mare in residence 2 piani 6 posti 1piano:soggiorno(divano letto due posti),cucinino con angolo...

Capannone industriale - 600 mq. Fabbricato su 2 piani con montacarico uffici - spogliatoi - cortile - riscaldamento gas...

Villetta con 5 posti letto: camera matrimoniale, cameretta con due letti singoli, ampio soggiorno con cucina a vista e...

Che tempo fa

Cerca nel web

Accadeva un anno fa

Cronaca | venerdì 11 agosto 2017, 15:45

Giorni bollenti all'interno del Centro di Permanenza: sventato un tentativo di fuga e sequestrata droga

Le forze dell'ordine della Mobile e il personale dell'Ufficio immigrazione hanno trovato corde e lenzuola di carta intrecciate, ma anche bastoni pronti per essere usati in un'evasione. In ingresso, invece, trovati 73 involucri di sostanza stupefacente per lo spaccio interno alla struttura

Sono state ore decisamente calde (e non certo per il meteo) presso il Centro di Permanenza per i Rimpatri di Torino: negli ultimi tre giorni, infatti, è stato sventato un tentativo di fuga organizzato da diversi trattenuti all’interno del Centro e sono stati individuati nuovi metodi per cercare di far pervenire stupefacente agli stranieri lì ospitati.

Due casi isolati: per quanto riguarda il tentativo di fuga, il personale dell’Ufficio Immigrazione, coadiuvato dai colleghi del Reparto Mobile, dopo aver seguito il comportamento sospetto di alcuni trattenuti, ha proceduto ad una bonifica delle 5 aree, individuando in una di queste 2 corde realizzate intrecciando lenzuola di carta, arnesi rudimentali atti ad offendere, bastoni, tutti opportunamente celati sopra un muretto del bagno e nel fondo del vano abiti. Il materiale era stato chiaramente realizzato per organizzare una fuga di gruppo dalla struttura, e per atti offensivi nei confronti del personale presente nel CPR, laddove gli stranieri fossero stati scoperti, nel tentativo di crearsi un varco finalizzato all’evasione. Tre dei sospettati, avendo reagito danneggiando parti dei moduli di ospitalità, sono stati arrestati.

Ma con l’aumento della recettività della struttura, che adesso è in grado di ospitare fino a 153 ospiti - e considerata la elevata presenza di soggetti con un alto indice di pericolosità sociale - la Questura ha intensificato i controlli nei confronti dei trattenuti nonché della posta e dei pacchi che gli stranieri ricevono.
In tale ambito, negli ultimi giorni, sono stati arrestati tre cittadini stranieri che hanno ricevuto pacchi contenenti flaconi di bagnoschiuma, shampoo e altri prodotti per l’igiene personale, nonché frutta e yogurt, che celavano all’interno complessivamente 73 involucri di cellophane con all’interno stupefacente; si sarebbe trattato di altrettante dosi destinate allo spaccio all’interno del C.P.R..
Al termine dell’iter giudiziario, tutti gli stranieri torneranno nella struttura a seguito della scarcerazione per essere, a breve, rimpatriati con scorta espletata da personale dell’Ufficio Immigrazione

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore