/ Economia e lavoro

Spazio Annunci della tua città

Grazioso dotato di ogni comfort, soggiorno con angolo cottura, camera matrimoniale, seconda camera con letto a...

Appartamento trilocale mansardato, ristrutturato completamente, due balconi due lucernari grandi, in zona tranquilla...

Esperto cambio stampi su presse a iniezione stampaggio materie plastiche

(IM) vicinissimo piazza del mercato ampio monolocale mq 35 luminoso con parete mobile per separare zona cucina/notte,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia e lavoro | mercoledì 13 settembre 2017, 15:45

Lavoro, Coppa (ConFcommercio): "Siamo lontani dai livelli pre-crisi"

I dati relativi al Piemonte fanno intravedere deboli segnali di ripresa per il 2018

E' stato presentato oggi in Confcommercio a Roma una ricerca dell'Ufficio Studi sullo stato delle economie regionali. I dati di questa ricerca dimostrano come siano ancora lontani i valori pre crisi, seppure con segnali, fragili, di crescita.

I dati relativi al Piemonte fanno intravedere deboli segnali di ripresa per il 2018. Il PIL nel triennio 2014-2017 è cresciuto dello 0,2 a fronte del dato nazionale dello 0,6%. per quanto riguarda gli occupati passiamo da 1.877.000 del 2007 alle attuali 1.777.000, una tendenza al miglioramento abbastanza diffusa sul territorio nazionale che però non è ancora sufficiente.

Per quanto riguarda invece la ripartizione per settori delle imprese attive nel Nord-Ovest si registra una crescita importante delle attività alberghiere, ristorazione e dei servizi alla imprese e alle famiglie rispetto ai settori tradizionali.

"I dati di Confcommercio - commenta Maria Luisa Coppa, vice presidente nazionale di Confcommercio e presidente regionale piemontese - rappresentano un'Italia divisa e fragile. Per quanto riguarda il Piemonte i numeri del 2017 disegnano una realtà molto diversa a 20 anni fa. Il settore del turismo e dei servizi stanno aiutando fortemente la crescita e la ripresa economica. Serve però uno sforzo di creatività e di lungimiranza per lasciare davvero la crisi alle nostre spalle. Uno sforzo delle imprese, delle istituzioni e della politica a creare strumenti e nuove forme di sviluppo perché non possiamo pensare che la società del 2020 sia uguale a quella del 1997."

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore