/ Economia e lavoro

Spazio Annunci della tua città

Per intrattenere i Vs. cani distogliendoli , mobili, divani, molto graditi sia per la loro consistenza , che per la...

- Oltre agli pneum. di serie, ha 4 gomme invern. Pirelli 195/55/R15 cerchi in acciaio (v.n. 740,00 €). Tutti gli...

Auto sempre tenuta in box - tagliandi regolari - unico proprietario - non incidentata - disponibili pneumatici...

Per le zone di Novara,Vercelli, Verbania cerchiamo Antennista Sat e Digitale terrestre. inviare curriculum a : ...

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia e lavoro | mercoledì 13 settembre 2017, 15:45

Lavoro, Coppa (ConFcommercio): "Siamo lontani dai livelli pre-crisi"

I dati relativi al Piemonte fanno intravedere deboli segnali di ripresa per il 2018

E' stato presentato oggi in Confcommercio a Roma una ricerca dell'Ufficio Studi sullo stato delle economie regionali. I dati di questa ricerca dimostrano come siano ancora lontani i valori pre crisi, seppure con segnali, fragili, di crescita.

I dati relativi al Piemonte fanno intravedere deboli segnali di ripresa per il 2018. Il PIL nel triennio 2014-2017 è cresciuto dello 0,2 a fronte del dato nazionale dello 0,6%. per quanto riguarda gli occupati passiamo da 1.877.000 del 2007 alle attuali 1.777.000, una tendenza al miglioramento abbastanza diffusa sul territorio nazionale che però non è ancora sufficiente.

Per quanto riguarda invece la ripartizione per settori delle imprese attive nel Nord-Ovest si registra una crescita importante delle attività alberghiere, ristorazione e dei servizi alla imprese e alle famiglie rispetto ai settori tradizionali.

"I dati di Confcommercio - commenta Maria Luisa Coppa, vice presidente nazionale di Confcommercio e presidente regionale piemontese - rappresentano un'Italia divisa e fragile. Per quanto riguarda il Piemonte i numeri del 2017 disegnano una realtà molto diversa a 20 anni fa. Il settore del turismo e dei servizi stanno aiutando fortemente la crescita e la ripresa economica. Serve però uno sforzo di creatività e di lungimiranza per lasciare davvero la crisi alle nostre spalle. Uno sforzo delle imprese, delle istituzioni e della politica a creare strumenti e nuove forme di sviluppo perché non possiamo pensare che la società del 2020 sia uguale a quella del 1997."

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore