/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Luminoso, ampio e panoramico, 3° p ascensore, di soggiorno e cucinino, camera matrimoniale, bagno nuovo con doccia....

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Azienda cintura Sud Torino seleziona operaio elettromeccanico pratico taglio, piegatura lamiera e costruzione armadi...

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | mercoledì 13 settembre 2017, 19:19

"A Torino, sindaco Appendino, torniamo al voi invece che al lei?"

La dichiarazione di Osvaldo Napoli, capogruppo di Forza Italia al Comune

Quando la politica è priva di un suo "ubi consistam" tende a chiudere porte e finestre, a blindare il consenso ottenuto con il democratico strumento del voto, e a costituirsi in potere esclusivo. Mussolini è il più prossimo antesignano della manipolazione del linguaggio. Sembrandogli poco virile il "lei" impose il "voi" e nella guerra ai forestierismi si impuntò sul "bar" che dagli anni '30 dovette chiamarsi "mescita".

Dopo tanti cambiamenti nella lingua, il consenso al regime crollò ugualmente per i tragici errori politici. Con questo, rivolgo un appello al sindaco Appendino, come personalmente continuerò a chiamarla, perché rinsavisca e non trasformi in operetta il duro lavoro dell'amministrazione. Per dire, se devo criticare "l'assessora" all'Ambiente, la mia critica è più efficace e motivata se rivolta all'assessore, oppure rischio di discriminare l'assessore apostrofandolo con il nome di genere "assessora".

Se i "cittadini" diventano "persone" negli avvisi esposti negli uffici pubblici, si cancella una conquista della Rivoluzione francese, cioè dell'evento che ha aperto, fra mille contraddizioni, le porte alla modernità. I cittadini sono protagonisti nella vita repubblicana.

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore