/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Per intrattenere i Vs. cani distogliendoli , mobili, divani, molto graditi sia per la loro consistenza , che per la...

- Oltre agli pneum. di serie, ha 4 gomme invern. Pirelli 195/55/R15 cerchi in acciaio (v.n. 740,00 €). Tutti gli...

Auto sempre tenuta in box - tagliandi regolari - unico proprietario - non incidentata - disponibili pneumatici...

Per le zone di Novara,Vercelli, Verbania cerchiamo Antennista Sat e Digitale terrestre. inviare curriculum a : ...

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | mercoledì 13 settembre 2017, 15:37

Caso Regeni, i Radicali: "Sindaco Appendino riappenda striscione al balcone del Municipio"

Igor Boni, Silvja Manzi e Laura Botti: "Segnale doveroso dopo l'arresto dell'avvocato egiziano della famiglia"

"Chiediamo al sindaco di Torino - hanno detto Igor Boni e Silvja Manzi (Direzione nazionale Radicali Italiani) e Laura Botti (coordinatrice Associazione radicale Adelaide Aglietta) - di fare riappendere lo striscione di Amnesty International 'Verità per Giulio Regeni' al balcone del Municipio di Torino. Lo striscione è già presente sulle facciate delle sedi sia della Giunta Regionale in Piazza Castello sia del Consiglio Regionale in via Alfieri 15".

Domani, giovedì14 settembre, è previsto il rientro dell’ambasciatore italiano al Cairo, preannunciato dal ministro Alfano nella sua recente audizione davanti alle Commissioni riunite di Camera e Senato. Intanto l'avvocato egiziano Ibrahim Metwally Hegazy, uno dei componenti dell'associazione che cura la difesa di Giulio Regeni in Egitto, è apparso davanti al magistrato della sicurezza in stato di arresto dopo essere stato fermato la mattina del 10 settembre dalla polizia. "Avrebbe dovuto imbarcarsi su un volo in partenza dal Cairo con destinazione Ginevra, dove sarebbe dovuto intervenire a un'Assemblea delle Nazioni Unite per parlare di diritti umani.  Il legale fa parte della Commissione egiziana per i diritti e le libertà, l’Ong che fornisce consulenza ai legali della famiglia Regeni. Nei giorni precedenti - hanno concluso gli esponenti radicali - l’Egitto aveva oscurato il sito della Ong".

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore