/ Scuola e formazione

Spazio Annunci della tua città

Luminoso, ampio e panoramico, 3° p ascensore, di soggiorno e cucinino, camera matrimoniale, bagno nuovo con doccia....

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Azienda cintura Sud Torino seleziona operaio elettromeccanico pratico taglio, piegatura lamiera e costruzione armadi...

Che tempo fa

Cerca nel web

Scuola e formazione | giovedì 14 settembre 2017, 14:08

Scuola, via al Fondo di finanziamento ordinario: incentivi per le università con alunni nella "no-tax area"

UniTo riceverà 1.736.580 euro, il Politecnico riceverà 1.396.311 euro

Più di 6,5 miliari di euro: questo è il valore complessivo dei finanziamenti sbloccati ieri (mercoledì 13 settembre) dal Ministero dell'Istruzione a favore delle università italiane, un dato superiore di più di 60 milioni a quello dell'anno passato.

Al via quindi la gara tra tutti gli atenei italiani, grandi e piccoli, per accaparrarsi il denaro messo a disposizione dal governo, che verrà assegnato in base a una particolare graduatoria fondata sull'analisi di criteri specifici che, unitamente, valutano numericamente i progressi annuali di ciascun ateneo: di base, come riportato anche da Repubblica, una parte dei fondi sono stati destinati di default alle università del sud e del centro.

I due atenei torinesi, Università degli Studi e Politecnico, non figurano né tra le università che crescono nel numero di finanziamenti, né tra quelle che calano.

Importante novità di questa nuova "mandata" di finanziamenti è la quota riservata dal Ministero agli studenti appartenenti alla "no-tax area", ovvero quelli provenienti da una famiglia con Isee inferiore ai 13 mila euro. In totale, questa fetta raggiunge i 55 milioni di euro, ovviamente divisi tra i diversi atenei.

Le università del nord Italia si dovranno spartire poco più di 20 milioni di euro (valore superiore a quello dedicato alle scuole del centro, ma nettamente inferiore rispetto a quello delle università del sud); di questi, UniTo riceverà 1.736.580 euro, avendo 5.390 studenti esonerati dal pagamento della retta universitaria (circa il 3,35%, nell'anno scolastico 2016/2017), mentre il Politecnico riceverà 1.396.311 euro per i suoi 3627 studenti esonerati (2,25%).

Simone Giraudi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore