/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Affittasi estate mare appartamento da 10 posti letto idoneo per più famiglie a prezzo conveniente a Rossano con posto...

Last Minute! Fronte mare in residence 2 piani 6 posti 1piano:soggiorno(divano letto due posti),cucinino con angolo...

Capannone industriale - 600 mq. Fabbricato su 2 piani con montacarico uffici - spogliatoi - cortile - riscaldamento gas...

Villetta con 5 posti letto: camera matrimoniale, cameretta con due letti singoli, ampio soggiorno con cucina a vista e...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | giovedì 12 ottobre 2017, 07:21

Aggredirono giornalista a corteo No Tav, condannati tre antagonisti a Torino

Dovranno pagare duemila euro alla parte civile, che destinerà il denaro all'Ugi, l'Unione genitori italiani, che si occupa di aiutare i bambini colpiti da tumore

Tre antagonisti sono stati condannati dal tribunale di Torino a un anno di reclusione per aver accerchiato e seguito, in un "pesantissimo clima di intimidazione" (così scriveva il gip Eleonora Pappalettere convalidando gli arresti), una giornalista di Repubblica, Erica Di Blasi, durante una manifestazione No Tav nei boschi di Giaglione e Chiomonte.

Il fatto avvenne il 10 agosto 2013. La cronista venne accusata da alcuni antagonisti di essere un membro della Digos. Venne seguita durante il corteo, accerchiata e costretta a mostrare i documenti prima di essere accompagnata alla sua auto, della quale venne fotografata la targa. Il tutto accadde lungo il sentiero che da Giaglione porta ala cantiere della Tav, teatro di numerose manifestazioni (dal 2011 ad oggi) contro l'alta velocità.

Tra il 2011 e il 2013 si verificarono in valle vari casi di giornalisti e operatori aggrediti, in particolar modo cameramen (ad alcuni venne spaccata la telecamera). Il giudice oggi ha stabilito che per i fatti del 10 agosto, oltre alla condanna a 12 mesi, i tre condannati debbano pagare duemila euro alla parte civile, che destinerà il denaro all'Ugi, l'Unione genitori italiani, associazione che si occupa di aiutare i bambini colpiti da tumore.

Elisa Sola

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore