/ Economia

Spazio Annunci della tua città

Affittasi estate mare appartamento da 10 posti letto idoneo per più famiglie a prezzo conveniente a Rossano con posto...

Last Minute! Fronte mare in residence 2 piani 6 posti 1piano:soggiorno(divano letto due posti),cucinino con angolo...

Capannone industriale - 600 mq. Fabbricato su 2 piani con montacarico uffici - spogliatoi - cortile - riscaldamento gas...

Villetta con 5 posti letto: camera matrimoniale, cameretta con due letti singoli, ampio soggiorno con cucina a vista e...

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia | giovedì 12 ottobre 2017, 07:10

Torino "traina" anche il Piemonte: la ripresa manda segnali sempre più concreti

Confindustria ha elaborato le previsioni per la fine dell'anno: in netta crescita le attese per produzione e ordini, ma sono gli investimenti a dare i risultati più incoraggianti

Anche da Confindustria Piemonte arrivano segnali positivi sullo stato di salute dell'economia del territorio. Per quanto riguarda infatti il quarto trimestre dell'anno, migliora il clima di fiducia osservato a giugno, con indicatori che rimangono su livelli positivi.

In particolare, nel settore manifatturiero le previsioni su produzione e ordini sono decisamente favorevoli, con saldi ottimisti-pessimisti in aumento di oltre 5 punti percentuali rispetto a giugno. Tiene bene anche l’export, dopo l’accelerazione del terzo trimestre. E sono ottimistiche anche le attese sull’occupazione, con saldi positivi e un ricorso alla cassa integrazione che ormai si può definire a livelli fisiologici. Grazie anche agli sgravi fiscali inseriti nella finanziaria, poi (così come confermato anche dall'Unione Industriale di Torino pochi giorni fa) un numero crescente di aziende ha in programma investimenti di rilievo.

A livello settoriale, poi, le indicazioni più favorevoli provengono dalla metalmeccanica, con saldi superiori alla media. Bene soprattutto la meccatronica, ma anche l’automotive. Tra gli altri settori, prevalgono attese ampiamente ottimistiche nei comparti chimico, alimentare, gomma plastica e manifatture varie (dalla gioielleria ai giocattoli e così via), con saldi ottimisti-pessimisti su produzione e ordini che oscillano tra i +15 e i +20 punti percentuali. Il tessile recupera la cattiva performance dei mesi estivi e ritrova l’ottimismo, mentre l'unico tasto dolente rimane - come detto da più parti - l’edilizia, che pur leggermente in recupero, risente ancora della crisi in cui versa da oltre 10 anni. In linea con quanto elaborato anche a livello torinese proprio dall'Unione Industriale, anche su scala regionale tornano negative le attese degli impiantisti, dopo alcuni trimestri incoraggianti.
Si allinea all'andamento della manifattura anche il settore dei servizi.

E un'altra tendenza che si consolida, a tutti i livelli di analisi, è quella che vede ridursi la forbice tra aziende di grandi e piccole dimensione. I saldi ottimisti-pessimisti sono ormai molto simili.

«L’indagine di settembre conferma le solide e strutturali basi della fase espansiva avviata nei mesi scorsi - commenta Fabio Ravanelli, presidente di Confindustria Piemonte -. Il clima di fiducia rimane favorevole; la maggioranza delle imprese si attende un aumento di produzione e ordini; il livello di spesa per investimenti è elevato. Le positive indicazioni del nostro sondaggio non stupiscono:  le nostre imprese infatti sono in linea con un quadro internazionale e nazionale piuttosto favorevole, di ripresa sincronizzata di tutte le aree dell’economia mondiale, che sembra destinato a protrarsi nei prossimi mesi. Ciò non significa – conclude Ravanelli – che possiamo indulgere a un facile ottimismo. I ritardi dell’Italia rispetto ai nostri partners si sono attenuati solo in minima parte; la disoccupazione resta troppo elevata soprattutto tra i giovani; le riforme strutturali restano in larga misura inattuate. La ripresa può solo rendere più facile o meno dolorosa la soluzione dei nostri problemi, ma le riforme restano necessarie».

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore