/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Disponiamo di cuccioli neri, arlecchino e merle nel nostro allevamento riconosciuto enci fci dosso degli ulivi. i...

Mensilmente (o annualmente) a partire da dicembre a 150 metri dal mare in condominio con ascensore con 6 posti letto...

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

In casale completamente ristrutturato,nel soleggiatissimo altipiano di Saint Nicolas a 10 minuti da Courmayeur, da...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | venerdì 13 ottobre 2017, 07:10

Cristalli che imitavano Swarovski e giocattoli pericolosi: nei guai un imprenditore cinese

Nel suo emporio di Nizza Millefonti seqeustrate ingenti quantità di prodotti: dall'abbigliamento ai giochi, fino alle maschere per Halloween

Vendeva come autentici accessori riportanti un celebre marchio di cristalli (poteva in qualche modo ricordare quello di Swarovski), ma che con gli originali poco avevano a che fare. Per questo motivo un imprenditore di origine cinese, con un noto emporio nel capoluogo piemontese, è stato denunciato dalla Guardia di Finanza di Torino, alla Procura della Repubblica, per contraffazione.

La frode è stata scoperta in un market nel quartiere di Nizza Millefonti, dove i finanzieri del Gruppo Torino hanno rinvenuto oltre 220mila accessori d'abbigliamento riportanti il falso logo del celebre brand di cristalli.

Nel corso dell’intervento, inoltre, i Baschi Verdi hanno sequestrato circa 70.000 giocattoli esposti per la vendita, ma non conformi alla normativa vigente in quanto sprovvisti di informazioni fondamentali per la tutela del consumatore, come le indicazioni circa la loro provenienza, oppure le istruzioni in lingua italiana, oltre alle precauzioni d’uso di sicurezza che i bambini dovrebbero rispettare per giocare senza rischi.

Tra  questi, centinaia di accessori e costumi in vista della festa di Halloween. Ma sono stati tolti dal mercato anche altri 420mila articoli per violazioni alle norme di sicurezza, poiché venduti senza informazioni sull'importatore o sulla presenza di materiali o sostanze pericolose.

L’imprenditore dovrà ora rispondere all’Autorità Giudiziaria di frode in commercio  e contraffazione. Rischia sino a 4 anni di carcere.

M.Sci

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore