/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Disponiamo di cuccioli neri, arlecchino e merle nel nostro allevamento riconosciuto enci fci dosso degli ulivi. i...

Mensilmente (o annualmente) a partire da dicembre a 150 metri dal mare in condominio con ascensore con 6 posti letto...

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | venerdì 13 ottobre 2017, 15:27

Elezioni Rls alla Maserati di Grugliasco: la Fiom-Cgil sfiora il 30%

Su 1708 aventi diritto hanno votato 1555 lavoratori per 1513 schede valide

La Fiom-Cgil rende noto che si è concluso nella notte lo spoglio dei voti per il rinnovo delle Rls (delegati per la sicurezza) alla Maserati di Grugliasco. In attesa che la commissione elettorale concluda le procedure di riconteggio e verifica, il quadro che si è delineato è il seguente.

Su 1708 aventi diritto hanno votato 1555 lavoratori per 1513 schede valide. La Fiom-Cgil ottiene 436 preferenze pari al 28,2% (e 2 delegati), il Fimisc 632 preferenze pari al 41,8% (4 delegati), la Uilm-Uil 218 preferenze pari al 14,5% (1 delegato), la Fim-Cisl 178 voti pari all'11,7% mentre l'Ugl si ferma a 48 voti pari al 3,2% (nessun delegato).

Michele De Palma, responsabile del settore auto per la Fiom-Cgil nazionale, e Federico Bellono, segretario provinciale della Fiom-Cgil, dichiarano: «Con quasi il 30% dei voti la Fiom-Cgil, di gran lunga primo tra i sindacati confederali, ottiene un ottimo risultato a Grugliasco, in una fabbrica "salvata" a suo tempo dai lavoratori Bertone, che in questi anni è stata sia laboratorio che vetrina della "nuova" Fiat, ma dove la cassa integrazione è tornata in modo crescente ad incidere sulla vita delle persone. I consensi raccolti dal vero sindacato aziendalista, a scapito di tutti quelli che in questi anni hanno semplicemente garantito fedeltà all'azienda, dovrebbe far riflettere gli altri sindacati confederali, e tutti noi, su come riprendere un'azione non subalterna rispetto al modello Fca. L'antidoto è la ripresa della contrattazione collettiva sui due livelli e il voto sugli accordi perché altrimenti a vincere è l'aziendalismo. E l'occasione di un'azione confederale comune dovrebbe in questa fase riguardare il futuro degli stabilimenti italiani, a partire proprio da Grugliasco e Mirafiori, di fronte all'assenza di prospettive certe da parte di Fca per quanto riguarda gli investimenti, e quindi l'occupazione. Naturalmente un ringraziamento particolare va a tutti quei lavoratori che hanno contribuito al risultato della Fiom-Cgil, che anche dopo questo voto si conferma il primo sindacato in Fca e Cnhi».

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore