/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Disponiamo di cuccioli neri, arlecchino e merle nel nostro allevamento riconosciuto enci fci dosso degli ulivi. i...

Mensilmente (o annualmente) a partire da dicembre a 150 metri dal mare in condominio con ascensore con 6 posti letto...

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | mercoledì 06 dicembre 2017, 18:32

Incidente alla Vaber, la situazione più critica adesso è dell'uomo ricoverato al Maria Vittoria

Giandomenico Olpeni dovrà restare in rianimazione almeno per le prossime 48 ore. Grave, ma non più in pericolo di vita, Giuseppe Gerosa, ricoverato da stamattina al Cto

E' una continua altalena di situazioni e di bollettini medici, quella che caratterizza la sorte delle due persone rimaste coinvolte questa mattina nell'esplosione verificatasi alla Vaber, l'azienda di prodotti chimici di strada San Mauro.

Tre gli operai coinvolti: uno, il meno grave, è stato medicato sul posto. Gli altri due sono stati trasportati in gravi condizioni in ospedale, con due codici rossi. Giandomenico Olpeni, 61 anni, responsabile della linea in pensione da pochi mesi ma che continuava ad aiutare in azienda, e Giuseppe Gerosa, 76 anni, di Milano, consulente esterno della ditta.

Giuseppe Gerosa, quello che sembrava essere in condizioni più gravi, ricoverato da questa mattina al Cto, nel bollettino diffuso alle 17.57, pur restando intubato e in prognosi riservata, non sarebbe più in pericolo di vita. In questo momento la situazione più critica è quella di Giandomenico Olpeni, che si trova ricoverato al Maria Vittoria. L'uomo resta in rianimazione almeno per le prossime 48 ore e permane la prognosi riservata. Il rischio è che si ostruiscano le vie aeree per i fumi respirati, con la necessità che venga tracheizzato.

 

Il sindaco di Torino, Chiara Appendino, si è immediatamente recata in ospedale, al Cto, per sincerarsi delle condizioni dei feriti portando la sua solidarietà a nome della Città. "Siamo vicini ai feriti e ai loro famigliari", ha detto Appendino.

Secondo le prime ricostruzioni, i tre operai stavano lavorando con un solvente e  all'improvviso sono stati investiti da una grossa fiammata partita da un serbatoio. Il potente getto di vapore si è sprigionato improvvisamente nel reparto in cui si producono sigillanti per auto. Sul posto, oltre alla polizia, è intervenuto anche il nucleo Nbcr dei vigili del fuoco.

“E’ terribile dover prendere atto, proprio nel giorno del decennale della strage alla Thyssenkrupp, dell’ennesimo infortunio sul lavoro”. Così l’assessore regionale al Lavoro Gianna Pentenero commenta la notizia dell’esplosione avvenuta questa mattina alla Vaber di Torino, dove due operai sono stati, secondo quanto si apprende, investiti da un getto di vapore che li ha ustionati.

“Esprimo la mia vicinanza e quella della Regione Piemonte ai lavoratori feriti e alle loro famiglie, augurandomi che possano riprendersi al più presto. Appare persino ridondante dover ripetere quanto sia importante mantenere alta l’attenzione al tema della sicurezza sui luoghi di lavoro”.

Massimo De Marzi e Marco Panzarella

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore