/ Viabilità e trasporti

Spazio Annunci della tua città

Scooter usato con tettino parapioggia batterie ok funziona tutto con gomme e camera d`aria.

Disponiamo di cuccioli neri, arlecchino e merle nel nostro allevamento riconosciuto enci fci dosso degli ulivi. i...

Mensilmente (o annualmente) a partire da dicembre a 150 metri dal mare in condominio con ascensore con 6 posti letto...

Auto tenuta sempre in garage, ottime condizioni. Grigio Metallizzata, interni in pelle nera, sedili riscaldabili,...

Che tempo fa

Cerca nel web

Viabilità e trasporti | mercoledì 06 dicembre 2017, 07:55

Nuovo sciopero dei mezzi GTT: 24 ore di stop il 13 dicembre

I sindacati: "Da anni lottiamo contro un sistema inefficiente, poco trasparente e costoso che scarica sui lavoratori tutte le responsabilità"

Nuovo sciopero in vista per i mezzi pubblici torinesi, indetto da Filt-Cgil Fit-Cisl uil trasporti e gli autonomi di Fast-Confsal e Faisa-Cisal Questa volta, la data è fissata al 13 dicembre. Dunque 24 ore di stop, con il rispetto delle fasce.

"Da mesi i lavoratori del GTT assistono con preoccupazione al susseguirsi di notizie sullo stato dell’azienda e sul loro futuro. Da mesi tentiamo di capire la verità e di confrontarci con la proprietà e con l’azienda, ma al di là degli incontri e delle rassicurazioni di rito, le poche notizie, spesso contraddittorie, le apprendiamo dai giornali". In una nota, Roberto Faranda, dirigente sindacale della Fast-Confsal riferisce: "Da anni lottiamo contro un sistema inefficiente, poco trasparente e costoso che vorrebbe scaricare sui lavoratori responsabilità che appartengono ad altri. Il tempo da cui denunciamo la situazione disastrata delle manutenzioni, il loro abbandono, la precarietà dei mezzi con cui escono i conducenti, il rischio di aggressioni sempre più alto per chi opera sul territorio ormai non si conta più. Pochi giorni fa un autista della linea 29 massacrato di botte, la situazione sta degenerando e non se ne può più. Siamo molto preoccupati per il futuro dei 4700 dipendenti Gtt, rinnovo la richiesta, rivolta alla Sindaca, di aprire un tavolo di trattativa congiunto con Regione Piemonte, OOSS presenti in GTT e azienda". E ancora: “Siamo ancora in attesa di scoprire le carte preoccupati delle ricadute, del piano industriale ancora da approvare e di cui non si conoscono i termini“.

"Siamo ben contenti della volontà della proprietà di mantenere pubblico il gioiellino di famiglia, ma non accetteremo lo scorporo di alcuni settori,dal settore parcheggi alle manutenzioni di autobus, che sono la cinghia di trasmisione di questa azienda. Appendino batta un colpo e che ci spieghi quale futuro ci aspetta e quali strategie ed investimenti vuole intraprendere“.

Le fasce di garanzia previste saranno le seguenti:
Servizio urbano e suburbano della Città di Torino: dalle 6 alle 9 e dalle
12 alle 15
Metropolitana: dalle ore 6.00 alle ore 9.00 e dalle 12. alle 15
Autolinee extraurbane: da inizio servizio alle 8 e dalle 14.30 alle 17.30
sfm1 Pont-Rivarolo-Chieri (ferrovia Canavesana) e sfmA
Torino-Aeroporto-Ceres: da inizio servizio alle ore 8.00 e dalle ore 14.30
alle ore 17.30

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore