/ Economia e lavoro

Spazio Annunci della tua città

Jordan nato 16/04/2018 magnifico sano cucciolo sverminato ciclo vaccinale completo libretto sanitario e certificazione...

Nel borgo marinaro di Gioiosa Marea e a pochi passi dal mare, pittoresca recentemente ristrutturata. La casa, dotata...

Con cucina, camera, sala e bagno. Balcone ampio lungo tutto l’appartamento. Posto auto chiuso da sbarra con apertura...

Luminoso, ampio e panoramico, 3° p ascensore, di soggiorno e cucinino, camera matrimoniale, bagno nuovo con doccia....

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia e lavoro | giovedì 07 dicembre 2017, 10:42

Cgil contro Skf: "Aumenta il lavoro, ma quattro lavoratori restano senza impiego"

Il sindacato contesta la decisione dell'azienda non di non rinnovare il contratto a quattro persone assunte "in somministrazione". "Non si possono trattare i dipendenti come se fossero usa e getta"

La Cgil contro Skf: secondo il sindacato, infatti, nonostante l'aumento dei volumi produttivi, l'azienda non avrebbe rinnovato il contratto a quattro lavoratori in somministrazione.

"La decisione di non rinnovare il contratto ai quattro lavoratori somministrati della SKF dimostra quale sia la vera condizione del lavoro precario e sfruttato. Questi lavoratori sono stati assunti dalle agenzie per il lavoro e inviati in SKF, tramite un contratto di tirocinio, un contratto a basso costo ma ad alta flessibilità. Seppure in azienda i volumi produttivi non siano diminuiti, l'utilizzatore, l'SKF, decide di lasciare a casa i lavoratori", dicono i rappresentanti dei lavoratori.

 

La Fiom Cgil ha indetto uno sciopero per chiedere il loro rientro. "Gli operai dell'azienda hanno dimostrato, con la grande adesione all'iniziativa, che non ci possono essere lavoratori considerati di serie B, lavoratori usa e getta. Il Nidil Cgil è a fianco dei lavoratori SKF, come a tutte le lavoratrici e i lavoratori  precari. Si attende una risposta positiva da parte dell’azienda.  Il Nidil Cgil metterà in atto tutte le iniziative necessarie, volte a ripristinare il diritto inderogabile alla dignità e al rispetto dei lavoratori e del loro lavoro".

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore