/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | giovedì 11 gennaio 2018, 18:35

Collegno, i negozi di Viale XXIV Maggio scelgono una nuova vetrina: virtuale

Il centro della movida collegnese prima via d’Italia interamente "visitabili" da pc. E dal Comune semaforo verde a 5 bandi per il supporto tecnologico dei commercianti, per un totale di oltre 17mila euro

Collegno, i negozi di Viale XXIV Maggio scelgono una nuova vetrina: virtuale

C’è una via – la prima in Italia – che da un anno è interamente virtualizzata: bar, negozi, panchine, alberi, gelaterie. Tutti visibili dallo schermo del pc: il cursore permette di muoversi come in un videogioco. Tornare indietro, sbirciare dove si preferisce, soffermarsi su un cartello segnaletico.

Ebbene, alzi la mano chi sa che questa via si trova a Collegno: ad aggiudicarsi il primato è il viale XXIV Maggio. Si chiama “Virtual tour”, visibile da Google maps grazie alla sapiente mano di Santino Balistreri, il fotografo che ha caricato tutto il materiale. Vale a dire che nella passerella dello shopping collegnese è possibile curiosare in ogni angolo, entrare nei negozi, vederne i prodotti. Rimanendo comodamente seduti a casa propria.

Un’avanguardia attiva già da un anno, e che “sarà la nuova frontiera del commercio. Noi piccoli negozianti dobbiamo trovare soluzioni per sopravvivere di fronte ai grandi colossi della vendita”: parola di Alessandro Torbidone, presidente dell’associazione “Commercianti viale XXIV Maggio”.

Ed è proprio Torbidone che si è aggiudicato invece per quest’anno l’assegnazione del bando comunale per la promozione e la pubblicizzazione delle attività commerciali con supporti tecnologici: “L’ho saputo qualche giorno fa e sono molto contento. Anche il sindaco Casciano mi ha chiamato per dirmi che era rimasto molto colpito dalla mia idea. Spero che possa essere di stimolo anche per altri contesti, io intanto spero si possa sperimentare proprio sul viale che rappresento”.

Il progetto, consultabile nell’albo pretorio del sito comunale, vede “un tutoraggio per i piccoli negozi che non si potrebbero altrimenti permettere una consulenza – continua il primo vincitore del bando – il futuro del commercio per me si chiama social commerce. Come si può arrivare a conoscere i proprietari, la loro storia? E’ come se il vetro dovesse smettere di esistere”. Il bando, scaduto il 31 ottobre scorso, vede in tutto l’assegnazione di cinque premi per l’innovazione tecnologica. A Torbidone oltre 10mila euro, destinati con la sua idea quindi al viale XXIV Maggio. Seguono poi Carlo Devoti, con assegnazione di oltre mille euro a rappresentanza di 21 commercianti; Stefano Pavone, Nazzareno Colafrancesco e Savino Capolongo. La città di Collegno contribuisce così al 50 per 100 dei progetti approvati, per un totale che supera i 17mila euro.

Federica Vivarelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore