/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Selezioniamo 3 persone ambosesso per la vendita e la costruzione rete commerciale, part-time o full-time, con...

Sul lungomare , frazione Viserbella, nella stagione estiva, settimanale da sabato a sabato, da maggio a settembre, di...

Curavecchia composto da 3 unità ciascuna di 3000 mq. A corredo terreno circostante di 7000 mq. Situato direttamente...

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | giovedì 11 gennaio 2018, 16:50

Falchera e viabilità, Cangelli (M5S): “Progetto nato 14 anni fa, perché è stato rallentato finora?”

Il capogruppo della Circoscrizione 6 commenta quanto emerso ieri nel corso della Commissione congiunta in Comune

“Il progetto è nato 14 anni fa: perché è stato rallentato fino a ora?”, si chiede il capogruppo del Movimento 5 Stelle della Circoscrizione 6, Valter Cangelli, in seguito alla Commissione congiunta dei consiglieri comunali e circoscrizionali avvenuta ieri a proposito del progetto sulla viabilità che interessa il quartiere di Falchera.

Inizialmente, quest’ultimo prevedeva – oltre alla creazione di un passaggio che collegasse corso Romania alla zona – anche l’allargamento di via Sant’Elia. Questa operazione, tuttavia, in seguito agli studi tecnici effettuati sul posto, non sarebbe, secondo l’assessore alla Viabilità Maria Lapietra, proficua, perché “si tratta di una via di quartiere che deve rimanere tale, priva di code e di congestione del traffico, il quale deve solo essere moderato”. Decisione che ha visto il sorgere di due “fazioni” contrapposte nel territorio: una a favore del progetto originario, un’altra in accordo con le scelte dell’amministrazione centrale.

Il progetto è stato rallentano – continua Cangelli – perché i cittadini si sono divisi e perché quelli che hanno governato in precedenza non lo hanno fatto come di dovere. È facile affermare che fossimo tutti uniti: per forza, prima esisteva l’oligarchia, non ora. Sono davvero basito”.

"I cittadini hanno chiesto di salvare una via e di non farla diventare un’arteria trafficata. Abitassi lì, anche io avrei fatto fuoco e fiamme per proteggere il mio territorio. Ma non ci abito ed è, quindi, giusto che siano loro a decidere, e non i politici che guardano solo al cappello del progetto”, ha concluso il capogruppo del M5S.

Roberta Scalise

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore