/ Centro

Spazio Annunci della tua città

Arredato, bagno finestrato e ski box. Posizione comoda ai servizi. Spese condominiali e IMU molto contenute. Ottimo...

Completamente ristrutturato no arredato no posto auto con deposito in cortile interno termoautonomo ideale persone...

Selezioniamo collaboratori ambo i sessi di età min. 23 anni, per lo sviluppo del mercato di sanità integrativa per...

PER NEGOZIO SITO AD ORBASSANO CERCASI LAVORANTE CON ESPERIENZA NEL SETTORE NO PERDITEMPO.

Che tempo fa

Cerca nel web

Centro | sabato 13 gennaio 2018, 16:34

Grande Nord a Torino, il partito presenta i suoi candidati piemontesi

Nato dai transfughi della Lega Nord, punta al parlamento e ha una ventina di candidati. Partita la raccolta firme per portare il simbolo alle elezioni: in lista l’ex presidente del consiglio regionale Oreste Rossi

Si presenta anche a Torino il partito Grande Nord, nato in risposta alla svolta “nazionale” della Lega Nord di Matteo Salvini e che punta a portare avanti le idee di Gianfranco Miglio, primo ideologo del Carroccio del quale, due giorni fa, ricorreva il centenario della nascita. È il federalismo la questione più importante, che secondo i componenti di Grande Nord, che punta a entrare nel prossimo Parlamento con candidati in sei regioni, la Lega avrebbe abbandonato.

L’idea è quindi avere l’Italia suddivisa in tre macro-regioni (Nord, Centro e Sud) confederate tra loro, all’interno degli “Stati Uniti d’Europa”. Uno stato federale, quindi, che guarda al modello degli Stati Uniti d’America. Un’Europa unita sulle questioni più importanti (come la politica estera e l’esercito) ma che rispetti le autonomie locali, come ad esempio per le questioni fiscali.

Lo ha sottolinato Oreste Rossi, ex presidente del Consiglio regionale del Piemonte, nonché leghista della prima ora e dalla scorsa estate in corsa con Grande Nord. “Siamo il sindacato della gente del nord – ha spiegato – e candidiamo tutte persone nuove, vogliamo rinnovare la classe politica”. Ora l’obiettivo è raccogliere le firme necessarie per poter presentare il simbolo alle prossime elezioni: ne servono 1600, quindi 400 per ogni collegio plurinominale in cui Grande Nord si candida.

C’è tempo fino al 29 gennaio, per questo per i partiti con numeri più ridotti si prospetta una battaglia senza quartiere per guadagnare consensi, un problema di cui si è parlato anche sul piano nazionale, con la lista di Emma Bonino. “In proposito – ha commentato Oreste Rossi – trovo che l’accordo tra Bonino e Tabacci sia ributtante. Lei, da sempre abortista da sempre, ora può candidare la propria lista grazie al simbolo di un partito da sempre anti-abortista”. 

“La nostra battaglia è dura – ha aggiunto Tonino Sidari, uomo-macchina del partito che coordina le operazioni elettorali in Piemonte – ma noi non puntiamo ad avere posti di governo, vogliamo invece dare fiducia a un governo che abbia delle linee programmatiche nell’interesse del Nord. Non accetteremo compromessi”. 

Alla conferenza stampa di presentazione, accanto a Rossi e Sidari, c’erano anche le candidate Anna Doleatto, in corsa alla Camera per il collegio Piemonte 1-02, e Maria Grazia Rotella, capolista per il Senato nel collegio Piemonte 1, entrambe alla prima esperienza politica. “Vorrei trattare il tema della cultura a 360° – ha spiegato Doleatto – come ad esempio la cura dei monumenti, vedo invece un Paese allo sfascio, in decadenza”.
“Da ora in avanti – ha chiosato Domenico Morra, candidato per Grande Nord e attualmente consigliere alla Circoscrizione 2 – appoggeremo solo politiche federaliste”.

Sono una ventina, in totale, i candidati di Grande Nord, di cui la metà sono donne.  Oltre allo stesso Sidari, in lista c’è Monica Camoletto, ex "pasionaria" della Lega a Volpiano, poi lasciata fuori dal partito nel 2014 e ora consigliera di opposizione nel suo Comune, ma c’è anche Walter Togni, ex parlamentare della Lega fra il 2008 e il 2013.

Paolo Morelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore