/ Politica

Spazio Annunci della tua città

Arredato, bagno finestrato e ski box. Posizione comoda ai servizi. Spese condominiali e IMU molto contenute. Ottimo...

Completamente ristrutturato no arredato no posto auto con deposito in cortile interno termoautonomo ideale persone...

Selezioniamo collaboratori ambo i sessi di età min. 23 anni, per lo sviluppo del mercato di sanità integrativa per...

PER NEGOZIO SITO AD ORBASSANO CERCASI LAVORANTE CON ESPERIENZA NEL SETTORE NO PERDITEMPO.

Che tempo fa

Cerca nel web

Politica | sabato 13 gennaio 2018, 16:10

"Energia locale Pd", il segretario Metropolitano Carretta: "Appendino non ha nulla di cui vantarsi"

"Insieme abbiamo l’intelligenza e la forza per dare al Paese una politica incisiva e una guida sicura"

Ad intervenire ad "Energia locale Pd", l'assemblea nazionale degli amministratori locali dem che si è svolta oggi al Lingotto, anche il segretario del Partito Democratico Metropolitano Mimmo Carretta.

Di seguito il discorso: "Proprio oggi ci troviamo in uno dei punti più nevralgici e significativi della straordinaria trasformazione che ha interessato la nostra città nell’ultimo quarto di secolo e che ora rischia di imboccare un binario morto. Questo è un luogo paradigmatico oggi come allora, un testimone silenzioso ma mai reticente, che senza dire ci racconta e ci ricorda che noi una idea di futuro ce l’abbiamo avuta e continuiamo ad avercela".

"La grande forza del Pd ha i volti di tutti voi, amministratori del territorio. Il vostro lavoro rafforza il partito e gli conferisce credibilità: siete l’anello di congiunzione più saldo tra le parole e i fatti. Non stupisce dunque che per Appendino la formula non valga", ha proseguito Carretta. 

“Usare l’amministrazione come strumento di consenso elettorale è una cosa che rigetto”: sono parole sue, della sindaca. Mah perché? E’ semplice: Appendino è consapevole che, come la collega Raggi, ad oggi non ha davvero nulla di cui vantarsi e tantomeno ne avrebbe da offrire al Movimento per una propaganda di merito e non solamente di slogan. L’altra sera l’aspirante premier Di Maio, da Vespa, gonfiava il petto vagheggiando di una Italia a cinque stelle che tornerà a investire in barba ai vincoli europei, per dare impulso ai consumi, aumentare il gettito e ripagare il debito".

"Prospettava, tronfio, di gettare il cuore oltre l’ostacolo come farebbe un imprenditore di razza, altro che – cito testualmente – “quelli che c’erano prima”. Eppure a Torino, come mai prima d’ora, il debito si paga con il gratta e vinci delle multe automobilistiche e con la lotteria dei supermercati e i loro oneri di urbanizzazione. D’investimenti, veri, non se parla, la cultura si fa in casa (e in casa resta), i rari progetti infrastrutturali sono poco più di un male necessario e chi dovrebbe occuparsi della politica delle entrate recita a soggetto". 

"Quale buon viatico dunque la sindaca Appendino potrebbe mettere nelle mani dei suoi che volessero usare l’amministrazione del territorio come esempio virtuoso del saper fare a cinquestelle? Nessuno. Ecco perché si comporta come la volpe presuntuosa di Esopo. Non è lo stesso per voi, per tutti noi che invece di ogni esperienza amministrativa sappiamo fare occasione. Vi siete testati ogni giorno, senza temere che si misuri il sapore dei nostri frutti e senza nasconderci di fronte agli errori, ma da essi cercando di imparare e di ripartire. Il caso Torino ne è un esempio".

"Insieme abbiamo l’intelligenza e la forza per dare al Paese una politica incisiva e una guida sicura", ha concluso Carretta. "Siamo una forza da cui l’Italia non può prescindere. Usiamo tutta la nostra determinazione e il Paese ci sosterrà e ci rinnoverà la fiducia il prossimo 4 marzo".

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore