/ Viabilità e trasporti

Spazio Annunci della tua città

Arredato, bagno finestrato e ski box. Posizione comoda ai servizi. Spese condominiali e IMU molto contenute. Ottimo...

Completamente ristrutturato no arredato no posto auto con deposito in cortile interno termoautonomo ideale persone...

Selezioniamo collaboratori ambo i sessi di età min. 23 anni, per lo sviluppo del mercato di sanità integrativa per...

PER NEGOZIO SITO AD ORBASSANO CERCASI LAVORANTE CON ESPERIENZA NEL SETTORE NO PERDITEMPO.

Che tempo fa

Cerca nel web

Viabilità e trasporti | sabato 13 gennaio 2018, 14:58

Metropolitana linea 1, benefici per tutti i residenti di Grugliasco

Il sindaco Montà: “Non più promesse, ma cantieri che partono e la possibilità di collegare meglio la cintura Ovest”

Il ministro dei Trasporti Graziano Delrio ha firmato il decreto grazie al quale si dà corso al finanziamento per completare la linea 1 della metropolitana di Torino, con l’estensione da Collegno a Cascine Vica che vedrà la luce nel 2022. Ed ha fatto sapere che “l’impegno di spesa è di 148 milioni ed è già stato comunicato alla Corte dei conti”. Sono 3,4 i chilometri di lunghezza e 4 le stazioni che vanno ad aggiungersi alla tratta: Certosa, Collegno Centro, Leumann e Cascine Vica. Soddisfazione espressa nei confronti dei responsabili del ministero e della sua struttura tecnica per l’impegno assunto nello sviluppo del trasporto rapido di massa. Si tratta di metropolitana automatica che utilizza il sistema Val (Veicolo automatico leggero) per 29 treni che viaggiano con una frequenza di 3 minuti.

“Oggi alla presenza del ministro – dichiara Roberto Montà, sindaco di Grugliasco – ho presentato con Francesco Casciano e Franco Dessì il progetto del prolungamento della linea 1 della metropolitana. Un'opera interamente finanziata dallo Stato grazie al prezioso lavoro di Umberto D'Ottavio e Stefano Esposito. Non più promesse ma cantieri che partono e la possibilità di collegare meglio e con modalità sostenibile la cintura ovest di Torino. Un bene per i grugliaschesi, almeno 10mila residenti che in pochi minuti a piedi potranno raggiungere due fermate; per l'università che si amplia, ma anche per imprese ed attività economiche. Dobbiamo partire da qui per ripensare il nostro sistema di trasporto locale. Puntiamo sulla cura del ferro col potenziamento dell'FM3 riqualificando la nostra fermata di Paradiso e con la nuova fermata dell'FM5 di Quaglia/Lesna creando così hub accessibili a tutta la città per muoversi senz’auto. Pensiamo però anche a tutte le altre modalità per far sì che la sfida dei blocchi auto la si combatta con un nuovo modello credibile di mobilità. Da oggi la mia priorità sarà questa, per fare in modo che ai benefici economici e territoriali si unisca una proposta capace di accompagnare un cambio di mentalità che tenga insieme infrastrutture e nuovi stili di vita”.

Il prolungamento ovest della linea 1 della metropolitana di Torino s’innesta dalla diramazione del deposito treni di Collegno (che verrà ampliato) ubicata subito dopo la stazione Fermi, sulla via De Amicis. Successivamente il tracciato si sviluppa planimetricamente lungo via De Amicis fino all’incrocio con corso Pastrengo, sottopassa la ferrovia Torino/Modane e, dopo aver percorso via Risorgimento, si porta al di sotto ed in asse di corso Francia. La tratta prosegue poi lungo corso Francia fino alla frazione di Cascine Vica di Rivoli, in corrispondenza dell’intersezione con la tangenziale est.

“Ad oggi – aggiunge Raffaele Bianco, assessore ai trasporti – moltissimi grugliaschesi e rivolesi prendono l'auto e vanno ad intasare le aree di borgata Paradiso per poter prendere la metropolitana. Col prolungamento ad ovest verranno serviti i grugliaschesi che vivono nell'area nordovest della città. Porterà benefici ai cittadini che abitano a ridosso dell'asse di corso Francia, nelle borgate santa Maria, Fabbrichetta e san Giacomo. A brevissima distanza avranno due fermate della metropolitana per andare a Torino e Cascine Vica risparmiando e lasciando l'auto a casa. Il risultato sarà una migliore vivibilità di Grugliasco ed una riduzione d’inquinamento e traffico. Per quanto riguarda il nostro territorio favoriremo la mobilità sostenibile permettendo di poter raggiungere la metropolitana in bici o in bus”.

Massimo Bondì

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore