/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Luminoso, ampio e panoramico, 3° p ascensore, di soggiorno e cucinino, camera matrimoniale, bagno nuovo con doccia....

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Fronte mare e spiaggia con meravigliosa vista sul massiccio dell’ Esterel, Luglio e Agosto affitto settimanalmente...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | domenica 14 gennaio 2018, 07:55

Bimbo conteso di Moncalieri, la madre croata fermata a Torino. Alessandro Avenati: "Una vergogna"

La donna subito rilasciata. Il padre si sfoga: "Incredibile che non si riesca a riportare in Italia mio figlio"

Si torna a parlare di Alessandro Avenati, l'imprenditore di Moncalieri che da anni sta lottando per riavere il figlio avuto dall'ex compagna Nina Kuluz, fuggita in Croazia con il piccolo.

Nella serata di ieri, sabato 13 gennaio, la donna (condannata in primo grado per il rapimento del bimbo), è stata fermata e identificata a Torino. Ma era da sola: del piccolo nessuna traccia, verosimilmente lo aveva lasciato in Croazia. Ed allora Avenati ha sbottato: "E' una vergogna, non riusciamo a riportare un bambino a casa sua in Italia",ha commentato sulla sua pagina Facebook.

Il padre, al quale tanto il Tribunale di Torino quando quello di Spalato hanno affidato il piccolo conteso, non ha mai potuto riabbracciarlo. Fino ad ora la riconsegna, già saltata una prima volta nel giugno 2017, è rimasta lettera morta.

Nina Kuluz è stata fermata ieri dopo una segnalazione anonima. Nei suoi confronti nessun ordine di cattura per cui, dopo l'identificazione, è stata rilasciata. E il dramma di Alessandro Avenati, di un padre che non riesce a riavere suo figlio, continua.
   

Massimo De Marzi

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore