/ Politica

Politica | 11 febbraio 2018, 10:57

Verso le Politiche: la montagna piemontese ha presentato la sua "agenda" ai candidati dei vari schieramenti

L'incontro si è tenuto ieri, organizzato dall'Uncem. Il presidente Riba: "Bisogna uscire dall'urbanocentrismo che offusca le peculiarità degli altri territori"

Verso le Politiche: la montagna piemontese ha presentato la sua "agenda" ai candidati dei vari schieramenti

Uncem ha incontrato a Torino i candidati alle elezioni politiche 2018, di diversi partiti e movimenti. Presso la sede della Delegazione, erano presenti anche alcuni Amministratori locali, i Consiglieri regionali Elvio Rostagno e Silvana Accossato e alcuni rappresentanti del terzo settore. Il Presidente Lido Riba, con il Vicepresidente Marco Bussone e l'Amministratore delegato del Formont Roberto Vaglio, ha presentato i punti che compongono la cosiddetta "Agenda Uncem", varata dal Consiglio nazionale in vista della consultazione elettorale del 4 marzo.

Molti i candidati intervenuti a Torino: Elena Maccanti per la Lega Nord; Federico Fornaro e Patrizia Presbitero per Liberi e Uguali; Mino Taricco, Enrico Borghi, Mauro Marino, Magda Zanoni, Matilde Casa per il Partito Democratico; Igor Boni per +Europa; Elisa Pirro, Alberto Sasso, Marco Scibona, Franco Trivero per il Movimento 5 Stelle; Paola Vercellotti e Daniela Ruffino per Forza Italia.

Cinque le parole chiave dell'Agenda Uncem: Autonomia, Libertà, Partecipazione, Energia, Sussidiarietà. Valori forti alla base di ogni iniziativa, proposta, legge, documento in favore dei territori montani, delle aree interne, delle politiche per ambiente, paesaggio, territori. Il documento Uncem declina in sedici punti le necessità, le opportunità per territori ed enti locali. Si parte con la Strategia Aree interne, da rendere strutturale, con l'attuazione della legge sui piccoli Comuni, con la revisione del Testo unico degli Enti locali e della legge 56/2014, volta a semplificazione e miglior organizzazione. Fiscalità peculiare e riforma del Catasto sono decisive. Agricoltura multifunzionale, turismo nei borghi, gestione forestale attiva, valorizzazione dei prodotti, sono pilastri dello sviluppo locale. Prevenzione del dissesto, "cura" del territorio, manutenzioni, si collegano a una nuova efficace declinazione della green economy attuando il Collegato ambientale. Su scuola, welfare, trasporti, mobilità e viabilità si giocano le opportunità di rinnovare e migliorare i servizi, rendendoli "su misura", plasmati sui territori, sui singoli, sulle fasce deboli. Rivitalizzazione dei borghi, attenzione ai beni culturali e alle lingue minoritarie sono imprescindibili. Per trattenere persone, imprese, famiglie, giovani, fermare lo spopolamento e attrarre nuove forze, nuove idee, nuove aziende. Non solo risorse, ma soprattutto politiche. Scelte e concertazione, analisi e dialogo del Governo e del Parlamento con i territori. Coordinamento stabile con le Regioni. Il piano Uncem si chiude con le due grandi sfide-opportunità dell'oggi e del domani: la coesione UE - tra nuova programmazione, Strategie macroregionali, uso dei fondi disponibili - e l'innovazione, tra banda ultralarga, divario digitale da ridurre, Agenda per la PA, servizi per una "society 5.0", dove le comunità - autentico patrimonio dei territori, pilastro dello sviluppo - incontrano e si rigenerano nell'innovazione. Una cifra della nuova legislatura: innovare e ascoltare. Con un sistema di Enti locali forte, un nuovo legame tra aree interne e aree urbane, una valorizzazione delle reti e delle eccellenze territoriali che fa bene all'Italia.

"Abbiamo apprezzato la presenza numerosa e qualificata delle donne e degli uomini candidati - afferma Lido Riba, presidente Uncem Piemonte -. Hanno condiviso la necessità di uscire da un urbanocentrismo che offusca peculiarità e necessità dei territori. La nostra Agenda contribuisce anche al dibattito nella campagna elettorale. Il rapporto avviato è molto positivo. Con quanti verranno eletti e non solo, Uncem proseguirà un intenso dialogo. Fatto di stimoli, proposte, idee". 

M.Sci

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium