/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Azienda cintura Sud Torino cerca elettricista cablatore montatore quadri elettrici industriali media e bassa tensione...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Selezioniamo 3 persone ambosesso per la vendita e la costruzione rete commerciale, part-time o full-time, con...

Sul lungomare di Rimini, frazione Viserbella, nella stagione estiva, settimanale da sabato a sabato, da maggio a...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | martedì 13 febbraio 2018, 07:43

Alpignano, blitz della Finanza contro l'abusivismo commerciale: sequestrati migliaia di prodotti pericolosi

E' stato scoperto anche un lavoratore irregolare presso un ambulante, che peraltro aveva anche scollegato il misuratore fiscale. Licenza di vendita a rischio e multe salate per tutti

Un lavoratore in nero e oltre un migliaio di articoli potenzialmente pericolosi per la salute sequestrati. E’ un primo bilancio di un intervento della Guardia di Finanza di Torino, nel comune di Alpignano, contro l’abusivismo commerciale e la contraffazione, il tutto per garantire la sicurezza degli operatori del mercato e delle loro attività commerciali, messe a dura prova dalla filiera della contraffazione e della criminalità comune che danneggia l'immagine del settore con una ingiusta concorrenza e che finisce per danneggiare proprio le imprese.

Una decina i venditori ambulanti controllati dai Finanzieri della Compagnia di Susa in collaborazionecon la Polizia Locale di Alpignano. Un commerciante di origine marocchina è stato sanzionato perché impiegava, irregolarmente, un lavoratore senza alcuna copertura previdenziale, assicurativa e sanitaria. Iinoltre, nel corso degli accertamenti, è emerso come l’uomo avesse “staccato” e nascosto, sotto un cumulo di verdura, il cavo di alimentazione del misuratore fiscale. Ora sono in corso accertamenti per il ritiro della licenza commerciale.

Oltre un migliaio poi, tra giocattoli, braccialetti e orecchini, gli articoli sequestrati a un venditore ambulante, anche lui di nazionalità marocchina, in quanto potenzialmente pericolosi per la salute degli acquirenti perché costruiti con materiali non certificati e non testati che, a contatto con la pelle, avrebbero potuto rilasciare sostanze tossiche o nocive. Per i due soggetti, le sanzioni superano i 5.000 euro.

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore