/ Scuola e formazione

Spazio Annunci della tua città

Azienda cintura Sud Torino cerca elettricista cablatore montatore quadri elettrici industriali media e bassa tensione...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Selezioniamo 3 persone ambosesso per la vendita e la costruzione rete commerciale, part-time o full-time, con...

Sul lungomare di Rimini, frazione Viserbella, nella stagione estiva, settimanale da sabato a sabato, da maggio a...

Che tempo fa

Cerca nel web

Scuola e formazione | mercoledì 14 febbraio 2018, 13:58

Quante pinte di birra pesa l'Universo? Stasera alla Cavallerizza Brian Cox ci porta alla scoperta del cosmo

Alle 20.45 nell'Aula Magna dell'Università, appuntamento con la lezione-spettacolo del fisico delle particelle vera e propria star della divulgazione scientifica

Se potessimo misurare l'universo in pinte di birra, scopriremmo che pesa 5 x 10 alla 54. È questa una delle curiose domande a cui risponderà Brian Cox, stella internazionale della comunicazione scientifica, che ha scelto Torino per la prima tappa del suo tour divulgativo. L'appuntamento è fissato aperto questa sera alle 20.45 nell'Aula Magna della Cavallerizza Reale, dove il fisico delle particelle accompagnerà i visitatori in un viaggio alla scoperta del cosmo e dei suoi misteri. Un punto quest'ultimo su cui è intervenuto anche il Rettore dell'Università di Torino Gianmaria Ajani: "Come studiosi raccontare quello che facciamo è parte della nostra responsabilità, con l'obiettivo che il pubblico si senta così proprietario delle ricerche che conduciamo".

"Sono già stato nel 2008 a Torino", ha spiegato Brian Cox questa mattina ai giornalisti al dipartimento di Fisica, "e conosco ovviamente Luigi Lagrange". Secondo il professore dell'Università di Manchester, "la Terra è il miglior pianeta che conosciamo, ed è per questo va salvaguardato". Cox ha poi citato le parole di Elon Musk della Tesla, secondo cui "se vogliamo andare verso la distruzione della razza umana rimaniamo su un solo pianeta, mentre se vogliamo salvarla ci apriamo". Questo è possibile, secondo Cox, "rendendo la Terra solo residenziale e portando le Industrie al di fuori".

Cinzia Gatti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore