/ Vanchiglia

Vanchiglia | mercoledì 14 febbraio 2018, 07:38

San Pietro in Vincoli, via il mercato entro il 21 marzo

La conferma arriva dall’assessore Giusta, che ha incontrato i comitati del quartiere. Il Comune di Torino sta cercando una nuova collocazione per il mercato di libero scambio

San Pietro in Vincoli, via il mercato entro il 21 marzo

C’è una data per lo spostamento del mercato di libero scambio dall’area di San Pietro in Vincoli e Canale dei Molassi: 21 marzo. Entro quel giorno, successivo all’equinozio di primavera, l’area sarà liberata dai venditori.
La scadenza è stata confermata dall’assessore alle Pari opportunità del Comune di Torino, Marco Giusta, durante un incontro con alcuni comitati del quartiere al quale è intervenuto anche l’assessore al commercio, Alberto Sacco. Corrisponde, in effetti, a quanto annunciato da Giusta lo scorso novembre durante un incontro pubblico al Cecchi Point. In quell’occasione, infatti, si era parlato di uno spostamento “entro la fine dell’inverno”.

I comitati di quartiere, però, hanno chiesto rassicurazioni e sono stati ricevuti ieri sera dall’assessore alle Pari opportunità. A rappresentare le istanze di residenti e commercianti c’erano Adriana Romeo, presidente dei Comitati riuniti di Porta Palazzo, Franco Trad, presidente dell’Associazione Cortile del Maglio, Simone Gelato, presidente dell’Associazione Commercianti del Balon, e Miriam Caputo, rappresentante dei residenti di San Pietro in Vincoli.

Manca, però, ancora la nuova sede. Il Comune sta cercando un’area in grado di ospitare gli stalli, ma l’intento è, in ogni caso, quello di spostare il mercato da un’altra parte, liberando quindi una zona che lamenta disagi da quasi vent’anni. Poco dopo la scadenza fissata dall'assessore Giusta, peraltro, il Tar dovrebbe esprimersi sul ricorso inoltrato da associazioni e residenti proprio contro il mercato, ricorso che potrebbe quindi decadere se l'area sarà effettivamente liberata. 

Una parte delle aree lasciate vuote potrebbe poi essere destinata a parcheggio, sia per gli operatori del Balon, sia per i compratori, ma al momento sono solo ipotesi. Prima, infatti, bisogna trovare una nuova e adeguata sistemazione per il mercato.

Paolo Morelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore