/ Cronaca

Spazio Annunci della tua città

Azienda cintura Sud Torino seleziona operaio elettromeccanico pratico taglio, piegatura lamiera e costruzione armadi...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Selezioniamo 3 persone ambosesso per la vendita e la costruzione rete commerciale, part-time o full-time, con...

Sul lungomare di Rimini, frazione Viserbella, nella stagione estiva, settimanale da sabato a sabato, da maggio a...

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | sabato 10 marzo 2018, 10:25

Si trovavano in un area ferroviaria vietata, fermati quattro stranieri

Gli agenti di polizia ferroviaria sono intervenuti in uno scalo di servizio di Porta Nuova: i quattro avevano trovato ricovero in una carrozza

Nei giorni scorsi, di prima mattina, il personale della Polizia Ferroviaria è intervenuto a seguito di segnalazione del personale FS riguardo alla presenza di quattro stranieri che avevano trovato riparo in una carrozza ferroviaria ricoverata in uno scalo di servizio di Torino Porta Nuova, all’interno di un’area utilizzata dalle FS esclusivamente per fini logistici, quindi interdetta al pubblico e potenzialmente pericolosa a causa delle continue manovre di ricovero e instradamento dei treni. La pattuglia Polfer intervenuta ha individuato immediatamente il luogo segnalato, accompagnando presso i propri Uffici di Polizia quattro cittadini stranieri di nazionalità marocchina e tunisina senza fissa dimora.

Due dei fermati sono risultati regolari sul territorio nazionale, gli altri due sono stati accompagnati all’Ufficio Immigrazione della Questura, in quanto irregolari sul territorio nazionale, per meglio vagliare la loro posizione. Per entrambi sono scattate le procedure relative all’espulsione dal territorio nazionale.

Gli stranieri sono stati multati per violazione del Regolamento di Polizia Ferroviaria con pagamento di 516 euro ciascuno.

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore