/ Economia e lavoro

Spazio Annunci della tua città

Luminoso, ampio e panoramico, 3° p ascensore, di soggiorno e cucinino, camera matrimoniale, bagno nuovo con doccia....

Frazione Diano Serreta, a soli 3,5 km dalle spiagge in splendida posizione con vista mare, vendesi casa...

Fronte mare e spiaggia con meravigliosa vista sul massiccio dell’ Esterel, Luglio e Agosto affitto settimanalmente...

Terranova bellissimi cuccioli neri altissima genealogia americana. Disponibili due maschi solo amanti razza. Nati 16...

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia e lavoro | martedì 13 marzo 2018, 13:15

Maserati, a Grugliasco la cassa integrazione da aprile lascia il posto ai contratti di solidarietà

L'accordo è stato raggiunto oggi con Fiom-Cgil: dureranno 6 mesi, per un esubero dichiarato di 933 lavoratori. Bellono: "Una situazione molto più che allarmante, che segue quella della Carrozzeria di Mirafiori"

Brutte notizie dalla Maserati di Grugliasco. E' stato infatti raggiunto oggi un accordo tra l'azienda e i sindacati per l'utilizzo dei contratti di solidarietà. Uno strumento che avrà una durata di 6 mesi, a partire da aprile, per quasi tutti i dipendenti (1582 su 1683). In base a questa applicazione, la riduzione media massima dell'orario di lavoro sarà del 59% e l'esubero dichiarato è di 933 lavoratori.

Il contratto di solidarietà subentra così alla cassa integrazione ordinaria che è ormai usata strutturalmente alla Maserati: nel 2017 - fanno sapere da Fiom-Cgil - i giorni in cassa integrazione sono stati 62 (su 220 lavorabili) e nel 2018 si è arrivati già a 30 giorni su 63 lavorabili (con quella già comunicata per fine marzo).

«La situazione è molto più che allarmante - dichiarano Federico Bellono, segretario generale della FIOM-CGIL di Torino ed Edi Lazzi, responsabile della Maserati per la FIOM-CGIL -. Dopo la Carrozzeria di Mirafiori adesso tocca anche alla Maserati di Grugliasco avviare l'utilizzo del contratto di solidarietà. Non è certo un buon segno in quanto, evidentemente, l'azienda ha la certezza che l'uso degli ammortizzatori sociali non è destinato a cessare e anche questa volta viene sfumata la promessa della piena occupazione per i lavoratori. Bene abbiamo fatto quindi, come FIOM-CGIL a sollevare con le istituzionilocali il problema del gruppo FCA a Torino, problema che è presente e deve essere affrontato, sapendo che per ipotizzare di risolverlo, servono immediatamente nuove produzioni di modelli auto sia allaCarrozzeria che alla Maserati».

Massimiliano Sciullo

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore