/ Sanità

Spazio Annunci della tua città

Azienda cintura Sud Torino seleziona operaio elettromeccanico pratico taglio, piegatura lamiera e costruzione armadi...

Bellissimi cuccioli di importanti linee di sangue, selezionati per carattere e tipicità. Pedigree, microchip e...

Selezioniamo 3 persone ambosesso per la vendita e la costruzione rete commerciale, part-time o full-time, con...

Sul lungomare di Rimini, frazione Viserbella, nella stagione estiva, settimanale da sabato a sabato, da maggio a...

Che tempo fa

Cerca nel web

Sanità | martedì 13 marzo 2018, 13:03

La copertura vaccinale in Piemonte supera il 95%

L'assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta: "Raggiunto l'obiettivo di aumentare la sicurezza per bambini e famiglie"

Le coperture vaccinali in Piemonte sono in aumento, grazie all'applicazione della nuova legge sui vaccini. Dai primi dati che sono stati raccolti dalla Regione Piemonte, è stato complessivamente raggiunto e superato l'obiettivo del 95% di copertura, che è la soglia di sicurezza raccomandata dall'Organizzazione mondiale della Sanità.

In particolare, è sensibilmente aumentata quella che riguarda morbillo, parotite e rosolia a 24 mesi di età, che è salita dal 91,06% dello scorso anno al 94,72 % rilevato al 31 dicembre 2017, dopo l'introduzione della legge. Per quanto riguarda le coperture a 5-6 anni di età, i valori per la prima dose sono superiori e raggiungono il 96,8%.

Per quanto riguarda gli altri vaccini - anti-poliomielite, difterite, tetano, pertosse, Epatite B, Haemophilus influenzae B - in tutti i casi si è verificato un incremento della copertura ed è stata superata la soglia del 95%, con livelli che vanno dal 95,28% del vaccino Hib (Haemophilus influenzae B) al 95,93% del vaccino contro il tetano.

Si tratta senza dubbio di un ottimo risultato, l'applicazione della nuova legge sui vaccini ha dato un esito positivo - commenta l'assessore regionale alla Sanità Antonio Saitta -. Tutte le coperture sono state incrementate e mi preme sottolineare la crescita delle vaccinazioni contro morbillo, parotite e rosolia dove il dato del Piemonte era basso, con Aziende sanitarie che non superavano in alcuni casi l'88 o persino l’85 per cento. L'obiettivo iniziale era quello di aumentare la sicurezza per i bambini e le famiglie e direi che è stato pienamente raggiunto.”

All'inizio della campagna vaccinale i bambini e i ragazzi da 0 a 16 anni che risultavano inadempienti erano 87.125 su un totale di 579.056. I servizi vaccinali ne hanno recuperati 38.138, il 43,8%, quasi uno su due.

Le famiglie che non si sono presentate alla prenotazione delle vaccinazioni fissata dall'Asl di competenza o che hanno espresso rifiuto, posso comunque recarsi presso l'Asl senza prenotazione e chiedere la vaccinazione dei propri figli.

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore