/ Cronaca

Cronaca | 15 marzo 2018, 07:00

La rivolta delle mamme in Barriera di Milano: ancora furti all’asilo di via Scotellaro

Sono otto gli episodi di razzia totale subiti dal complesso, in seguito alle quali le famiglie hanno indetto una petizione e un diritto di tribuna

La rivolta delle mamme in Barriera di Milano: ancora furti all’asilo di via Scotellaro

Il calvario è iniziato il 26 ottobre scorso e, al momento, pare essersi concluso solo tre giorni fa, lunedì 12 marzo: si tratta di otto furti operati ai danni del complesso sito in via Scotellaro 7. Un asilo nido che fa difficoltà a rialzare la testa, soprattutto in seguito alle molteplici denunce effettuate ma risultate inefficaci.

Per questo motivo, nel corso della riunione tenutasi a fine dicembre presso quest’ultimo, alla presenza dei dirigenti e di Garbarini, direttore dello stesso, è stato richiesto l’innesto di videocamere e di porte allarmate, per garantirne la vigilanza e la tutela. Interventi che, però, non si sono potuti attuare a causa di “mancanza di soldi”, come ha affermato l’assessore all’Istruzione e all’Edilizia scolastica, Federica Patti.

Le madri, allora, hanno deciso di farsi “giustizia da sé”: lunedì mattina è stata presentata in Comune una petizione che richiede, appunto, telecamere di videosorveglianza, porte allarmate e la sicurezza del complesso sia all’interno sia all’esterno – attualmente inagibile a causa della caduta di una bambina, di cui devono ancora essere accertate le dinamiche.

A partire da martedì, inoltre, le madri hanno avviato una raccolta firme – al momento circa 300 – che condurranno a un diritto di tribuna, con la speranza che, questa volta, le richieste possano essere accolte, forti anche del supporto di tutte le fazioni politiche.

Infatti, “ieri sera, in sede di Consiglio – ha dichiarato Valerio Lomanto, capogruppo di Fratelli d’Italia della Circoscrizione 6, che si è occupato direttamente della vicenda – ho proposto che i consiglieri devolvano un contributo utile ai fini degli interventi necessari avanzati dalle madri: è un problema che riguarda tutti e di fronte al quale non possiamo chiudere gli occhi”.

Roberta Scalise

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium