/ Valle di Susa

Che tempo fa

Cerca nel web

Valle di Susa | 16 marzo 2018, 07:36

Sequestrati beni da 100mila euro a trafficanti di droga nella Val di Susa

La guardia di finanza di Torino ha concluso nei giorni scorsi le indagini, arrestando diverse persone. Il capo dell'organizzazione aveva investito parte dei guadagni illeciti nell'acquisto di abitazioni

Sequestrati beni da 100mila euro a trafficanti di droga nella Val di Susa

Abitazioni, conti correnti e quote societarie per un valore di oltre 100.000 euro: questo il guadagno ottenuto per il traffico di droga in Val Susa.

È il risultato del sequestro della Guardia di Finanza di Torino nei confronti degli esponenti di spicco dell’organizzazione criminale che per anni ha gestito il traffico di stupefacenti in Valle di Susa.

La vicenda era nata nel 2014 con un’operazione della Guardia di Finanza all’interno di un noto pub dell’alta Val di Susa, che aveva portato alla chiusura del locale, l’arresto di un dipendente e la denuncia per il gestore dell’epoca, per il possesso di svariate dosi di cocaina. Le successive indagini, condotte dalla Compagnia di Susa, avevano fatto emergere una vera e propria rete di spacciatori tutti di giovane età che gestiva l’intero traffico di droga della Val Sangone e della Val Susa.

L’operazione della Guardia di Finanza si era conclusa lo scorso aprile con l’arresto di 17 persone per spaccio e traffico di stupefacenti, oltre alla segnalazione di un centinaio di persone coinvolte a vario titolo nell’inchiesta. Nel corso dell’operazione, un soggetto era sfuggito alla cattura, arrestato poi in Spagna: nei giorni scorsi è stato condannato a 3 anni e 10 mesi di reclusione.

Dalle indagini, che ha visto gli affiliati all’organizzazione condannati a pene da 1 a 7 anni di reclusione, è emerso che il capo, un ventinovenne di origine albanese, aveva investito rilevanti somme di denaro, tutte proventi del traffico di droga, per acquistare abitazioni.

Altri sono risultati proprietari di beni di rilevante valore. La Procura della Repubblica di Torino ha ottenuto dal Giudice per le Indagini Preliminari il sequestro dei beni immobili, dei conti correnti bancari e quote societarie.

r.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium