/ Economia e lavoro

Che tempo fa

Cerca nel web

Economia e lavoro | 26 aprile 2018, 14:12

Prorogato all'11 maggio il bando per i nuovi progetti di internazionalizzazione delle PMI piemontesi

Relativo agli anni 2018 e 2019: finora le nuove domande presentate sono state 143

Prorogato all'11 maggio il bando per i nuovi progetti di internazionalizzazione delle PMI piemontesi

            La Regione Piemonte ha prorogato a venerdì 11 maggio il termine entro il quale le  piccole e medie imprese non già iscritte lo scorso anno possono aderire ai progetti di internazionalizzazione per le annualità 2018 e 2019.

            La decisione interessa otto filiere produttive di eccellenza: aerospazio, automotive, meccatronica, chimica verde/clean tech, salute e benessere, tessile, agrifood, abbigliamento/alta gamma/design. Finora le nuove domande presentate sono state 143. Le aziende che risulteranno ammesse si  uniranno alle circa 600 già coinvolte dal 2017.

L’obiettivo è quello di favorire l’incremento del livello di export di tali sistemi produttivi, mirando in particolare a consolidare la presenza competitiva e la proiezione internazionale favorendone l'accesso ai mercati esteri e, al tempo stesso, la capacità di presidio da parte delle singole imprese.

             Le imprese interessate trovano tutta la documentazione su www.regione.piemonte.it/bandifinanziamenti. Da lì, mediante il collegamento alla piattaforma, potranno compilare la domanda telematica e, consultando le schede di ogni progetto, conoscere gli ambiti di intervento e le tipologie di iniziative previste per le imprese ammesse nell’ambito dei progetti della Regione Piemonte finanziati grazie ai fondi Fesr 2014-2020, la cui realizzazione è affidata a Ceipiemonte. L’adesione è gratuita.

            Al termine della verifica del possesso dei requisiti richiesti, alle pmi ammesse sarà concessa un’agevolazione in termini di riduzione sui costi di partecipazione alle “azioni di investimento” (fiere ecc.) che saranno successivamente proposte nell’ambito delle attività di ogni progetto. Tale riduzione sarà quantificata ex-ante per ogni singola azione, con valore massimo per l’annualità 2018 stabilito in 15.000 euro ad impresa per ogni progetto integrato di filiera a cui la stessa risulti ammessa e comunque nei limiti di disponibilità de minimis di cui la stessa disponga. La somma a disposizione per il triennio 2017-2019 ammonta complessivamente a 12 milioni di euro.

            Ulteriori informazioni possono essere richieste a Finpiemonte (tel. 011.5717.777, dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12) oppure al Settore Affari internazionali e Cooperazione decentrata della Regione Piemonte (tel. 011.432. 1304 - 3940 - 4776 dal lunedì al giovedì dalle ore 9 alle ore 17, venerdì dalle ore 9 alle ore 12). E-mail: progetti.pif@regione.piemonte.it

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium