/ Politica

Politica | 19 maggio 2018, 15:42

Tav, Montaruli: "Senza l'alta velocità subito duemila posti di lavoro in meno"

Le posizioni lavorative perse con il "no" alla grande opera sarebbero in tutto circa seimila. La deputata: "Con il contratto Lega-M5S si va incontro a decrescita e disoccupazione"

Tav, Montaruli: "Senza l'alta velocità subito duemila posti di lavoro in meno"

"Con il no alla Tav rischiano fin da subito di perdere il posto circa 2.000 lavoratori, 6.000 in prospettiva. Sul contratto del loro futuro neanche l’ombra a meno che non ci si arrenda alla disoccupazione e alla morfina del reddito di cittadinanza". E' il commento di Augusta Montaruli, deputato di Fratelli d’Italia.


"Gli italiani - prosegue - vogliono uscire dalla crisi, hanno intenzione di rimboccarsi le maniche e lavorare ma così verrebbero accompagnati nel precipizio. Il no a tutto è un falso risparmio perché porta a decrescita e disoccupazione. In centinaia di marce del no ancora nessuno ci ha spiegato come si riuscirebbe a creare gli stessi posti in alternativa. Nella marcia di lotta e di governo di oggi  Di Maio-Salvini risolvano questa ambiguità. Dopo il no dicano anche ai lavoratori cosa faranno domani".

c.s.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium