/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | 22 maggio 2018, 15:23

Il 13° “Gru village music festival” di Grugliasco è pronto ai nastri di partenza

“Sono tre le direttrici – ha spiegato il sindaco Roberto Montà – che decretano il successo di questo evento, immaginare il centro commerciale non solo come luogo di shopping, abbinare musica e cultura come driver economico per il territorio ed un target accessibile a tutti”

Il 13° “Gru village music festival” di Grugliasco è pronto ai nastri di partenza

Il “Gru village music festival” di Grugliasco è pronto ai nastri di partenza, una delle manifestazioni musicali di punta del panorama estivo giunge alla sua 13esima edizione: dal 18 giugno al 28 luglio torna una rassegna interamente pensata per andare incontro ai gusti di un pubblico eterogeneo, un cartellone di eventi distribuiti nell’arco di un mese e mezzo con una programmazione eclettica. Una location immersa nel verde ed uno spazio attrezzato di 6.000 metri quadrati, un palco di 200, una platea da 5000 posti per i concerti in piedi e 1500 per quelli con poltrona numerata, una squadra per la sicurezza e l’accoglienza e 4700 parcheggi gratuiti.

L’obiettivo è presentare un ventaglio di artisti per i target più vari in modo da offrire a tutti l’opportunità di ascoltare la musica preferita: Pfm, Francesco De Gregori, Gianna Nannini, Piero Pelù, Bob Sinclar, Madness, Gianni Morandi e Fabrizio Moro solo per citare qualche nome in cartellone. Da sempre il festival stringe collaborazioni sia a livello territoriale che nazionale con realtà imprenditoriali che lo arricchiscono grazie ad uno scambio reciproco di competenze, visibilità, beni e servizi. Continuerà ad andare in questa direzione anche l’edizione di quest’anno, in collaborazione per la prima volta con Radio 105.

Inoltre il festival è un volano economico per l’indotto che genera e produce sia direttamente che indirettamente: le ricadute sul territorio possono infatti essere stimate in circa 2 milioni di euro sia attraverso il pubblico che nella scorsa edizione proveniva per il 35% da fuori Torino (da 57 province) sia dal coinvolgimento di 28 aziende locali e 100 servizi territoriali.

“Avere l’opportunità di presentare un programma così altisonante – ha detto Renato De Carli, presidente del consorzio esercenti de ‘Le gru’ che produce, gestisce e finanzia il festival – con un partner d’eccezione come Radio 105 ci rende fieri del lavoro fatto fino ad oggi. L’esperienza pluridecennale del nostro festival s’incrementa ulteriormente grazie alle nuove energie di una radio così trasversale e cosmopolita”.

“Sono tre le direttrici – ha spiegato il sindaco Roberto Montà – che decretano il successo di questo evento, innanzitutto l’intuizione che conferma il suo valore nel tempo è stata quella d’immaginare il centro commerciale non solo come luogo di shopping ma anche come luogo che aggrega la comunità sociale. Poi l’abbinamento di musica e cultura come driver economico per il territorio ed infine la scelta di un target accessibile a tutti che invoglia le famiglie ad andare ai concerti e magari scoprire anche la città”.

Massimo Bondì

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium