/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 25 maggio 2018, 14:47

Hanno aiutato l'azienda a salvarsi, ma gli viene negato il premio di risultato: sciopero a Chivasso e Settimo

Nella giornata di oggi ha aderito il 95% dei lavoratori del gruppo Fontana-Sodecia, che opera nel settore dello stampaggio per automotive

Hanno aiutato l'azienda a salvarsi, ma gli viene negato il premio di risultato: sciopero a Chivasso e Settimo

Sciopero, nella giornata di oggi, tra Chivasso e Settimo per i lavoratori del Gruppo Fontana-Sodecia. Secondo Fiom-Cgil e la Fim-Cisl, presso l'azienda che impiega 230 addetti nei due stabilimenti e che opera nel settore dello stampaggio per automotive, i dipendenti si sono fermati per quattro ore di sciopero. L'adesione alla mobilitazione è stata del 95%, con i lavoratori che hanno dato vita a un presidio davanti ai cancelli del Polo Industriale di Chivasso (ex Lancia) e dello stabilimento di Settimo.

L'agitazione è stata motivata dal rifiuto dell'azienda di riconoscere per quest'anno il premio di risultato. L'azienda infatti, che si trova in concordato preventivo, è stata acquisita dalla multinazionale portoghese Sodecia grazie anche all'impegno dei lavoratori, che hanno continuato a lavorare per salvarla dal fallimento anche in condizioni di sicurezza precarie, tanto che da gennaio ad oggi si contano 14 infortuni sul lavoro (di cui uno grave, che ha richiesto un intervento chirurgico).

«Abbiamo chiesto all'azienda di riflettere sul proprio rifiuto - commentano Luca Pettigiani, della Fiom-Cgil e Francesca Melagrana, della Fim-Cisl - perché, pur tenendo conto delle difficoltà che sta ancora attraversando, riteniamo necessario dare un riconoscimento ai lavoratori per il fondamentale contributo fornito in questi per salvare il Gruppo».

M.Sci

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium