/ Cronaca

Cronaca | 27 maggio 2018, 13:35

"Hanno chiuso l'acqua alle baracche, ora non possono spegnere l'incendio"

La testimonianza di una volontaria del campo nomadi di corso Tazzoli. "La signora che abitava in quella baracca deve cominciare a breve la chemio"

"Hanno chiuso l'acqua alle baracche, ora non possono spegnere l'incendio"

In corso Tazzoli decine di nomadi hanno lasciato le baracche in fiamme, altri fanno avanti e indietro dal campo per recuperare i loro averi. Tanti bambini, uomini e donne di tutte le età che osservano atterriti la scena, mentre l'intervento di vigili del fuoco e croce rossa non si ferma.

Nessun ferito, ma molta paura e il problema dei fumi tossici propagati nell'aria.
Tra i tanti accorsi, anche una volontaria che si occupa dei nomadi, soprattutto per tutelare loro condizioni di salute. Questa la sua denuncia: "Tempo fa hanno chiuso l'acqua fuori dal campo per qualche incidente capitato, quindi ora i vigili del fuoco hanno più difficoltà a rifornirsi per spegnere il fuoco".

E aggiunge: "La famiglia della baracca che ha preso fuoco è la più bisognosa di tutte. Ci sono una mamma con due bambini, lei martedì dovrà iniziare la chemio e non so dove potrà andare ora che non ha più un posto".

In questo momento i pompieri sembra siano riusciti a domare il rogo, la nuvola di fumo si è notevolmente ridotta.

Manuela Marascio

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium